Marche, anche le associazioni potranno fare formazione in apicoltura

La regione modifica le regole permettendo anche alle associazioni apistiche di usufruire dei fondi regionali, nazionali e comunitari che prima erano riservati solo ai consorzi e alle cooperative

apicoltura-formazione-api-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Apicoltura, anche le associazioni apistiche nelle Marche potranno accedere ai fondi
Fonte foto: Matteo Giusti - Agronotizie

Le Marche cambiano le regole e danno anche alle associazioni degli apicoltori la possibilità di fare attività di formazione, informazione e assistenza tecnica finanziate con fondi regionali, statali o comunitari.

Prima erano solo i consorzi apistici e le cooperative di apicoltori a poterne beneficiare, mentre ora, con la nuova decisione della Giunta regionale, i possibili beneficiari dei fondi destinati all'apicoltura si ampliano.

Come ha spiegato l'assessore regionale all'Agricoltura Anna Casini"la scelta è stata compiuta per recepire le novità che stanno maturando nel comparto, con nuove forme di aggregazione sempre finalizzate a promuove la crescita dell’apicoltura marchigiana".

Con questa modifica, per accedere al riconoscimento e poter usufruire di fondi le associazioni apistiche devono: avere sede nel territorio regionale delle Marche, avere almeno cento apicoltori iscritti con almeno un alveare a testa regolarmente denunciato all'Anagrafe apistica nazionale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.414 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner