Siccità in agguato nelle campagne del Sud

Anbi: "Negli invasi del Mezzogiorno c'è oggi poco più della metà dell'acqua del 2017. In Calabria, dove la situazione appare più preoccupante che altrove, c'è appena il 30% di acqua accumulata negli invasi rispetto allo scorso anno"

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

acqua-corso-irrigazione-diga-by-igor-kolos-fotolia-750x559.jpg

Secondo l'associazione è necessario far partire al più presto le opere finanziabili con il Piano nazionale invasi, il Piano irriguo e i fondi Cipe
Fonte foto: © Igor Kolos - Fotolia

Con i primi caldi ricomincia anche il servizio irriguo nelle campagne. Buone notizie arrivano dal Nord Italia, dove i grandi laghi sono tutti tornati sopra le medie stagionali ed, in Emilia Romagna, c'è una disponibilità idrica tripla a quella dello scorso anno: 17,43 milioni di metri cubi contro 5,32. Purtroppo al Sud le piogge degli ultimi mesi non sono bastate a recuperare il gap accumulatosi negli ultimi anni e le riserve ammontano complessivamente oggi a poco più della metà rispetto ad un anno fa: 1227,47 milioni di metri cubi, contro i 2406,84 del 2017. E’ quanto fa sapere l’Associazione nazionale dei Consorzi per la gestione e la tutela del territorio e delle acque irrigue con una nota stampa. Nel Mezzogiorno, quindi, la siccità resta in agguato.

Le riserve idriche utilizzabili a fini irrigui nel Sud Italia sono, sempre secondo Anbi, distribuite a macchia di leopardo: “Il dato più preoccupante arriva dalla Calabria: la disponibilità idrica è, infatti, pari a 8,97 milioni di metri cubi, circa il 30% di quanto registrato un anno fa (22,30 milioni di metri cubi); nettamente in calo le riserve idriche anche in Puglia (240,79 milioni di metri cubi contro i 347,95 di 12 mesi fa) e in Sicilia (357,51 milioni contro 434,16 nel 2017)" è scritto nella nota di Anbi.

“Il dato diventa eclatante, se si analizzano i quantitativi complessivi di riserva idrica nel Sud Italia: oggi ammontano a 1.227,47 milioni di metri cubi, ma erano 2.406,84 un anno fa, 2.484,34 nel 2016 e addirittura oltre il doppio (3.187,43) nel 2010" si sottolinea.

"Questi dati - commenta Francesco Vincenzi, presidente dell’Anbi – ribadiscono la variabilità assunta dalle precipitazioni, che stanno ora penalizzando il Sud Italia dopo la siccità nelle regioni settentrionali dello scorso anno. Questo conferma la necessità di avviare il Piano nazionale degli invasi da noi proposto e di cui un primo, seppur piccolo stralcio, del valore di 50 milioni di euro, è stato inserito nella Legge di stabilità. Il futuro Governo, che speriamo si formi quanto prima, dovrà avviare concretamente i tanti progetti in itinere per migliorare l'assetto idraulico del paese: da quelli del Piano irriguo nazionale a quelli cantierabili con i fondi infrastrutturali stanziati dal Comitato interministeriale per la programmazione economica fino al Piano nazionale invasi”.

“L'acqua – conclude il presidente di Anbi – è una risorsa, che va gestita, cioè stoccata quando ce ne è molta, evitando così criticità idrogeologiche, per essere utilizzata quando serve. Attualmente riusciamo a trattenere a riserva solo l'11% delle piogge cadute: una percentuale, che va incrementata per evitare di rimpiangere, nei momenti del bisogno, la troppa risorsa lasciata andare inutilizzata verso il mare".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: ambiente irrigazione siccità bonifica acqua cambiamenti climatici

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.518 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner