International Rural Forum: nutrire le persone e sostenere il pianeta

Focus sul sistema rurale romagnolo alla prima edizione dell'evento. Appuntamento il 23 febbraio prossimo alla Fiera di Forlì

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

20180223-international-rural-show-1-forum.jpg

Forlì, 23 febbraio 2018

Si terrà alla Fiera di Forlì il primo Forum internazionale “Nutrire le persone e sostenere il pianeta. Ridurre i rischi e cogliere le opportunità: integrare la biodiversità negli investimenti agroalimentari” organizzato in collaborazione con Fao e Bioversity International - l’agenzia dell’Onu, venerdì 23 febbraio 2018 nella sala Europa. Tale forum avvia la nuova manifestazione International Rural Show mirata allo sviluppo rurale che si terrà nel 2019.

Il cambiamento climatico e il cambiamento nella domanda alimentare a livello mondiale stanno creando gravi criticità negli equilibri sociali ed economici sia in Italia sia nei paesi in via di sviluppo. La perdita di agrobiodiversità crea perciò rischi materiali per le filiere agricole, con crescenti rischi e volatilità nella produzione agricola e zootecnica. La grave siccità del 2017 nel Mediterraneo, il divieto dell’uso dell’acqua ai fini agricoli negli Emirati Arabi, la crescente domanda di una alimentazione più completa nei paesi africani sono alcuni esempi di questi cambiamenti.

Il modello di sviluppo rurale della Romagna è già stato al centro degli studi dell’Osce, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, e della Commissione europea, Direzione generale della Politica regionale, quale caso di studio al fine di individuare i nuovi modelli di sviluppo sostenibile, in particolare partendo dal rapporto fra territorio urbano e territorio rurale. Da questo modello parte ora la risposta anche alle nuove criticità internazionali quali l’esigenza di fornire modelli di sviluppo sostenibili alle popolazioni dei paesi africani per ridurre i flussi migratori verso l’Europa.

L’integrazione del potenziale dell'agrobiodiversità nelle catene di approvvigionamento, rappresenta un potenziale per le imprese agroalimentari e per gli investitori per aumentare la produttività e la qualità della nutrizione migliorando allo stesso tempo anche la resilienza, la salute del suolo e la qualità dell'acqua.
 
Il Forum internazionale riunirà esperti e rappresentanti dell'agrobusiness, del Governo, delle Organizzazioni internazionali, degli investitori e dei media in una discussione interattiva con un pubblico invitato sui vantaggi, opportunità e modi di utilizzare la diversità dalla produzione agricola per diete sane e sistemi agroalimentari sostenibili. Sarà introdotto un indice di agrobiodiversità che può essere utilizzato per sostenere investimenti finanziari sostenibili nell’agribusiness. Sarà perciò presentato per la prima volta in Italia il nuovo Piano europeo per gli investimenti esterni per l'Africa e i paesi del vicinato dell’Ue. Per il triennio 2018-2020, il Piano rende disponibili finanziamenti e garanzie per 4,1 miliardi al fine di generare investimenti per un valore presumibile di 44 miliardi. E’ previsto un suo ampliamento nel bilancio Ue 2020-2026, con disponibilità che potrebbero essere fino a dieci volte superiori. Le aree di investimento individuate sono: Energia sostenibile, sostegno alle Pmi, Agricoltura sostenibile e agroindustria, Città sostenibili e Digitale per lo sviluppo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.175 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner