Germania, la speculazione mette fuori gioco i giovani agricoltori

Nella Germania orientale i giovani agricoltori hanno sempre più difficoltà ad acquistare terreni. I grandi investitori comprano non per scopi agricoli, ma per speculare. E le ex cooperative della Germania orientale vengono privatizzate

donna-ragazza-giovane-giovani-agricoltura-tablet-tecnologie-computer-by-production-perig-fotolia-750.jpeg

Nella Germania Est i prezzi dei terreni sono schizzati alle stelle dopo la riunificazione
Fonte foto: © Production Perig - Fotolia

Non è una terra di alta qualità quella in cui gli agricoltori della fattoria Bienenwerder di Berlino Est coltivano ortaggi. Non solo il suolo del Brandeburgo orientale è sabbioso, ma le due estati precedenti sono state anche siccitose.

Eppure Julia Bar-Tal è orgogliosa di ciò che il collettivo agricolo a cui appartiene ha creato in quest'area. Ora coltivano ortaggi 'ecologici' su 45,5 ettari e vendono oltre quaranta tipologie differenti di prodotti ai negozi di Berlino.

C'è molto lavoro da fare in questa fattoria biologica, dove gli agricoltori lavorano il terreno con cavalli e pony, invece dei trattori, con l'obiettivo di preservare il suolo.

Il fatto che Bar-Tal possieda ben 45 ettari è solo grazie ai suoi antenati. Sua nonna possedeva terreni nel Nord-Ovest del Brandeburgo che furono espropriati durante il regime comunista. Ciò diede a sua nipote Julia la possibilità di acquisire la maggior parte dei suoli ad un prezzo preferenziale.

"La mia è stata solo fortuna. Per molti altri giovani agricoltori semplicemente non c'è alcuna possibilità di comprare dei terreni, non importa quanto siano preparati", ha spiegato Bar-Tal.

Questo perché il prezzo dei terreni è esploso negli ultimi quindici anni. Secondo i dati ufficiali del governo, il costo di un ettaro di terra nel Brandeburgo era in media di 2,5mila euro nel 2004. Ma nel 2017 la cifra è salita a oltre 11mila euro. Una spirale al rialzo dei prezzi iniziata pochi anni dopo la riunificazione tedesca.
 

Terra costosa

Con la fine della Repubblica democratica tedesca le grandi cooperative di produzione agricola di proprietà statale furono smantellate e privatizzate pezzo per pezzo. E tuttora l'agenzia federale di gestione e lavorazione del suolo Bvvg (Bodenverwertungs- und -verwaltungs GmbH) è responsabile di questo processo.

La vendita di vaste aree di terra ha presto attirato l'attenzione di grandi investitori sovraregionali, che non avevano interessi agricoli, ma speculativi, lucrando sull'aumento dei prezzi dei terreni.

Il prezzo per ettaro ha ora raggiunto cifre astronomiche. Uno sguardo al database Bvvg mostra acquisti di oltre 26mila euro per ettaro nella regione in cui si trova la fattoria Bienenwerder.

"I prezzi dei terreni qui sono sempre più dissociati da ciò che può essere prodotto dall'agricoltura", ha detto Julia Bar-Tal. Di conseguenza le aziende agricole sono state buttate fuori dal mercato e ad investire sono ormai soggetti con capitale non-agricolo. "È un aumento virtuale del valore del terreno che non corrisponde più alla realtà", ha aggiunto.

Immediatamente dopo la riunificazione la terra poteva ancora essere affittata a prezzi convenienti, cosa che era principalmente fatta dalle grandi cooperative agricole. Al giorno d'oggi, invece, gli affitti sono di più breve durata e per creare un'azienda agricola è necessario un capitale estremamente consistente.

Poiché la terra è la base per qualsiasi investimento nel futuro, la creazione di una fattoria rappresenta un rischio enorme se non viene garantito accesso alla terra nel lungo termine. "Se vuoi avviare una fattoria hai bisogno di una elevata propensione al rischio, oltre a un folle idealismo", ha detto Bar-Tal.
 

Il problema delle gare d'appalto pubbliche

L'agricoltore biologico è molto preoccupato per la pratica di assegnazione del terreno scelta dalla Bvvg perché i lotti sono distribuiti in aste pubbliche in cui chiunque può presentare una offerta. E nessuno sa chi altro sta offrendo o il valore delle altre offerte.

"Se queste sono aree da cui dipende il tuo sostentamento e non sai chi altro sta offrendo, allora, ovviamente, farai offerte alte", ha detto.

Secondo la Bvvg, questo sistema è il più trasparente possibile. Se le offerte fossero rese pubbliche, i prezzi aumenterebbero ancora di più.

Inoltre, ci sono i cosiddetti bandi di gara limitati, che sono esplicitamente rivolti ai giovani o agli agricoltori biologici per promuoverne l'imprenditoria. E l'80% dei terreni assegnati dal Bvvg è destinato agli agricoltori della regione.

Ma i grandi investitori non acquistano direttamente la terra. Al contrario, rilevano cooperative agricole diventando legalmente agricoltori regionali a cui è consentito partecipare alle gare.

Benjamin Meise ha toccato con mano l'inutilità delle aste dedicate ai giovani agricoltori. Meise gestisce una fattoria convenzionale vicino alla fattoria Bienenwerder: 1.500 su 3.500 ettari sono affittati dal Bvvg.

Quando furono messi all'asta 350 ettari con bandi di gara limitati, Meise avrebbe voluto partecipare, ma il prezzo minimo indicato era troppo alto. Poiché la terra era eccellente, l'agricoltore ne ha presi comunque 70 ettari, ma a "prezzi sovraregionali".
 

Siccità, Brexit e pagamenti diretti dell'Ue ridotti

"Come conseguenza abbiamo dovuto licenziare dei dipendenti e vendere dei macchinari". Tuttavia a causa della siccità, della Brexit e del possibile calo dei pagamenti diretti dall'Ue, Meise prevede che i prezzi dei terreni scenderanno di nuovo. "Hanno raggiunto il loro picco", ha spiegato.

Poiché non vogliono semplicemente aspettare che i prezzi calino, gli apprendisti e i giovani agricoltori della regione si organizzano da diversi anni nel "Bündnis Junge Landwirtschaft", di cui anche Julia Bar-Tal fa parte.

Protestando, sperano di portare questo "accaparramento di terre" protratto dai grandi investitori all'attenzione dell'opinione pubblica e spingere la Bvvg a cambiare l'attuale pratica di assegnazione dei terreni.

Come minimo, Julia vorrebbe vedere una discussione pubblica sull'opportunità di vendere la terra di Brandeburgo. In alternativa, immagina un limite all'estensione acquistabile o affittabile, come nel caso della Francia.

"A quel punto il business diventerebbe molto meno attraente per gli investitori", ha affermato.
 
di Florence Schulz (A cura di Gerardo Fortuna)

Azione cofinanziata dall'Unione europea

Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea. La presente pubblicazione [comunicazione] rispecchia unicamente le opinioni dell'autore. La Commissione non può essere ritenuta responsabile dell'uso che verrà fatto delle informazioni in essa contenute.
 
Questo articolo, tradotto in italiano, fa parte di un progetto cofinanziato dall'Unione europea con l'obiettivo di raccontare e far conoscere all'opinione pubblica le differenti agricolture all'interno dell'Ue. Il progetto coinvolge i media di settore di sette Stati differenti che hanno raccontato ognuno l'agricoltura del proprio paese. A coordinare il progetto è il network editoriale Euractiv.com. AgroNotizie è stata scelta in rappresentanza dell'Italia

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 210.160 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner