Cork 2.0: "Bisogna tornare a parlare di produttività"

L'analisi di Dario Casati, docente di Economia agraria all’Università di Milano e tra i più esperti economisti europei in materia agricola: "Lo sviluppo rurale si ha solo se poggia su un’agricoltura solida"

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

dario-casati.jpg

Dario Casati

La conferenza di Cork sullo Sviluppo rurale cade in un momento cruciale per l’agricoltura, in cui tutti i prodotti attraversano una crisi di mercato: partirei da qui per discutere il futuro e mettere a punto strategie legate al rapporto col mercato mondiale, visto che la Pac non è più quella protezionistica di una volta”.
A dirlo è il professor Dario Casati, docente di Economia agraria all’Università di Milano, già prorettore e tra i più esperti economisti europei in materia.

Certo, poi non manca l’attenzione a temi come la sostenibilità, i cambiamenti climatici e le risorse idriche, le infrastrutture e le tecnologie per la comunicazione come la banda larga.
Sono tematiche che non mancano mai – afferma Casati – ma quello che ritengo essere un vero aspetto innovativo è l’attenzione a individuare un percorso di innovazione focalizzato sui reali bisogni degli agricoltori. Su questo punto non sarà facile individuare una soluzione, ma ci si deve provare”.

I chairman sono di rilievo, a partire da Allan Buckwell, emerito di Economia agraria all’Imperial College di Londra – osserva Casati -. Bisognerà ritornare a parlare di produttività. È il cuore dell’agricoltura, più ancora della sostenibilità o dell’ambientalismo, che sono aspetti che vanno comunque benissimo. Ma gli aspetti della produttività non devono essere sacrificati”.

Per esprimere giudizi completi è necessario seguire gli sviluppi e attendere la dichiarazione finale e di questo il professor Casati ne è ben conscio.
Aspettiamo che l’ex commissario all’Agricoltura, Franz Fischler, che nel 1996 tenne la prima Conferenza sulla Sviluppo rurale dialoghi con il commissario in carica, Phil Hogan – prosegue Casati – e per ora accettiamo positivamente il fatto che l’Ue si sia resa conto che si impongono mutamenti apprezzabili in chiave di Politica agricola comune e di Sviluppo rurale, perché quella attuale è ridotta alle tabelline”.

Il problema è che l’attuale riforma della Pac “trascura di attuare gli interventi necessari sui grandi temi dell’agricoltura, nonostante fossero declinati in maniera semplice nel primo documento preparatorio della riforma 2014-2020, slittata poi di un anno”. E in fase di avanzamento, chissà come mai, “si sono persi alcuni elementi fondamentali, mentre sarebbe molto importante che venissero affrontati aspetti come la nutrizione o l’assenza di una politica agricola estera da parte dell’Unione europea”.

Insomma, per il professor Casati è positivo che si sia finalmente compreso che “non basta aggiustare i meccanismi, ma cercare di cambiare del tutto il tavolo di gioco. Non è sufficiente pensare a una semplificazione o soffermarsi su questioni di budget. Serve molto altro, a partire da una politica europea più concreta nella difesa del prodotto agricolo tipico e tradizionale. Perché lo sviluppo rurale si ha solo se poggia su un’agricoltura solida, altrimenti serve a nulla”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: unione europea sviluppo rurale

Temi caldi: Cork 2.0

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 271.084 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner