La redazione di AgroNotizie

Giulia Romualdi

Giulia Romualdi

Nata nel 1989 in un piccolo paese nella provincia di Forlì-Cesena e laureata in Giurisprudenza presso l'Alma Mater Studiorum, Università di Bologna. Accanita lettrice di libri, i suoi interessi spaziano dall'attualità alla storia, dalla natura e relative tematiche ambientali, per passare allo sport ed alla moda. Nonostante sia fiera dei suoi studi, una volta terminati, ha deciso di inseguire quello che fin da piccola è sempre stato il suo sogno: diventare una giornalista. Da febbraio 2016 le si sono aperte le porte di questo mondo, in quanto è entrata a far parte della grande famiglia di AgroNotizie e piano piano sta imparando a conoscere una nuova realtà: l'agricoltura.

Sfoglia gli articoli di Giulia Romualdi

Contatta l'autore

Sensori e centraline meteorologiche: installazione e posizionamento

Per avere dati veritieri e affidabili è importante installare e posizionare in modo giusto gli strumenti. Il video tutorial del Canale emiliano romagnolo, parte del progetto Acqua.docet
centralina-meteo-sensori-schermata-video-canale-emiliano-romagnolo-apr-2020-progetto-acqua-docet

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

I dati, si sa, sono sempre più importanti nel mondo agricolo. Proprio per questo sempre più aziende agricole stanno iniziando a dotarsi di apposite tecnologie per acquisire i dati ambientali relativi al sistema coltura-suolo-clima. E tra le numerose tecnologie attualmente presenti sul mercato, si possono ricordare le centraline meteorologiche di rilievo ed i sensori. Ma per ottenere dati veritieri e di conseguenza utilizzabili è necessario seguire determinate regole e procedure. Per misurare per esempio l'umidità dei suoli è opportuno impiegare metodiche di installazione che risultano fondamentali ai fini della rappresentatività del dato e soprattutto ai fini della sua affidabilità. Errori di posizionamento rendono inutilizzabile il dato ottenuto e in più una scarsa preparazione dell'installatore può essere la causa del problema. Il seguente video del Canale emiliano romagnolo (Cer), rientrante nel ...

Rubrica: Acqua.docet: semplice, pratico e veloce

Lievito, il prezioso alleato nell'arte bianca

Tempo di lockdown: gli italiani si sono riscoperti pasticcieri, pizzaioli e panificatori ed è scattata la corsa all'acquisto del lievito. Dal lento processo per coltivare quello di birra all'antica storia del lievito madre custodita in una biblioteca
lievito-spezzettato-lieviti-mag-2020-fonte-assitol

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

"La panificazione è un'arte vera e propria". Così Davide Trombini, presidente dell'Associazione nazionale dei panificatori pasticceri di Confesercenti, definisce quella che da tempo è chiamata l'arte bianca, specificando poi che "ogni panificatore ...

29 apr Zootecnia

Coronavirus ed effetti del lockdown: Sos nutrie

Nel ferrarese scatta l'allarme: i roditori sono ormai il doppio degli umani. E l'Anbi chiede di non abbassare la guardia, soprattutto per tutelare l'agricoltura e l'ambiente
nutria-nutrie-roditori-by-jiri-castka-adobe-stock-750

Incontri ravvicinati con l'orso, lupi negli allevamenti, cinghiali nei campi e cervi che passeggiano indisturbati nei centri urbani. O ancora, corvidi e piccioni che danneggiano i campi seminati a mais, girasoli, grano ed altre colture. E' questo l'effetto del lockdown ...

Aceto 100% di kiwi: da scarto a prodotto pregiato

Un bell'esempio di economia circolare grazie al quale i frutti scartati dal mercato per dimensione e forma diventano la materia prima per realizzare aceto, glassa e confettura. La storia della startup L'Agro del Kiwi Srl
aceto-di-kiwi-in-vigna-startup-l-agro-del-kiwi-rubrica-agroinnovatori-apr-2020-fonte-l-agro-del-kiwi

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

"Per fare un tavolo ci vuole il legno, per fare il legno ci vuole l'albero, per fare l'albero ci vuole il seme, per fare il seme ci vuole il frutto, per fare il frutto ci vuole il fiore…". Così iniziava un brano degli anni '70 intitolato "Ci vuole un ...

Rubrica: AgroInnovatori: le loro storie

Acqua.docet, un progetto per formare ed informare

Video tutorial, tecnologie, ricerche e molto altro: l'acqua e l'irrigazione non avranno più segreti per agricoltori e tecnici. L'intervista a Gioele Chiari del Canale emiliano romagnolo
irrigazione-acqua-campo-patate-fonte-demachi-istock-750

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

Semplicità, velocità e praticità. Sono tre le parole che contraddistinguono Acqua.docet, il progetto del Canale emiliano romagnolo (Cer) con al centro il tema dell'acqua e dell'irrigazione. Un punto di riferimento per agricoltori e tecnici che vogliono sapere le ultime ...

Rubrica: Image Line informa

Cimice asiatica, il sostegno all'agricoltura arriva (anche) dall'Ue

Dopo il via libera alla lotta biologica mediante la vespa samurai e agli indennizzi statali, arrivano anche le misure della Commissione Ue. Il punto con l'assessorato all'Agricoltura dell'Emilia Romagna
cimice-asiatica-halyomorpha-halys-by-marco-uliana-adobe-stock-750x501

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

La macchina degli aiuti prosegue. Dopo il via libera dei giorni scorsi da parte della Conferenza Stato Regioni ai decreti ministeriali per i primi indennizzi statali e il via libera alla lotta biologica mediante il lancio della vespa samurai, anche l'Unione europea scende in campo per ...

EVENTO ONLINE - Dal campo allo scaffale: l'agroalimentare è sempre più smart

Sarà l'innovazione digitale la protagonista dell'evento online dell'Osservatorio Smart AgriFood il prossimo 23 aprile. Un'innovazione che strizza l'occhio ai giovani come dimostra anche l'esperienza di Image Line
tecnologia-digitale-ag-tech-food-tech-startup-innovazione-by-ekkasit919-fotolia-750x500

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

Innovazione digitale. Forse a qualcuno non è ancora del tutto chiaro cosa sia, molti invece sanno perfettamente di cosa si tratta e di come sia sempre più protagonista dei diversi settori. Da quello industriale, produttivo, economico, agricolo o agroalimentare per citarne ...

La riscoperta del noce

Complice la mancanza di aggregazione, il prodotto italiano fatica a tenere il ritmo dettato dai principali paesi produttori. Oggi però un passo avanti arriva da Areté che scende in campo con il più grande noceto made in Italy
noce-frutti-by-bits-and-splits-fotolia-750

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

4mila ettari di superficie coltivata per una produzione di circa 12mila tonnellate. Secondo i dati 2018 dell'International nut & dried fruit council (Inc) sono questi i numeri del noce da frutto in Italia, con un consumo interno che si attesta sulle 50mila tonnellate, di cui ...

Una Pasqua amara per gli allevatori di ovicaprini

A causa dell'emergenza coronavirus le vendite sono scese, ma rimane alto l'appello a consumare il prodotto made in Italy. Freccia in su per le uova e Sos per gli agriturismi
pastore-pastorizia-agnello-pecore-by-spetenfia-fotolia-750

Sarà un po' diversa rispetto al solito, ma sarà pur sempre Pasqua. Nonostante le difficoltà conseguenti all'emergenza causata dal coronavirus, la maggior parte degli italiani non intende rinunciare alle tradizioni, soprattutto a tavola. L'alimento più ...

L'arcobaleno in una pannocchia di mais

Coltivato a Illegio (Ud), questo cereale è chiamato glass gem in quanto i suoi colori ricordano le varie tonalità del vetro. Ma la frazione friulana è anche il posto delle piante dimenticate. La storia dell'azienda agricola Il Vecjo Mulin
mais-gamma-di-vetro-azienda-agricola-il-vecjo-mulin-rubrica-agroinnovatori-mar-2020-fonte-foto-il-vecjo-mulin

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

Blu intenso, azzurro, grigio perlato, viola, rosa e con un tocco anche di giallo. A guardarle sembra che un pittore si sia divertito a dipingere ogni singolo chicco rendendo ciascuna pannocchia di mais diversa rispetto all'altra. Chiamato mais gemma di vetro, il cereale ha origini antiche e ...

Rubrica: AgroInnovatori: le loro storie


Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner