Ciboteca italiana: la cipolla

La cipolla ha elevate proprietà nutraceutiche: è ricca di selenio e vitamina C, ha un forte potere antiossidante e di rallentamento dell'invecchiamento cellulare. Bianca, dorata e rossa, può essere di diversi colori ma sempre perfetta per varie preparazioni

Stefania Ruggeri di Stefania Ruggeri

infografica-stagionalita-valori-nutrizionali-byagronotizie-cipolla-750x500.jpeg

Fonte foto: Crea - Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria

Ecco una nuova puntata di Ciboteca italiana, dove parliamo di cipolla. Un alimento semplice ma ricco di vitamine, sali minerali e composti antiossidanti. Potente nelle sue proprietà nutraceutiche: il consumo regolare delle cipolle migliora la fluidità del sangue - grazie all'effetto ipoglicemizzante e ipocolesterolemizzante -, ci protegge dal rischio di tumori e dai fenomeni d'invecchiamento cellulare. I valori nutrizionali della foto di copertina sono tratti da Crea - AlimentiNutrizione.


Proprietà nutrizionali

La cipolla, alimento semplice che entra quotidianamente nelle nostre preparazioni in cucina, è inaspettatamente ricca di composti nutritivi. Se consumata cruda è una buona fonte di folati e vitamine del gruppo B, fondamentali per il benessere cardiovascolare. Contiene buone quantità di vitamina C e vitamina B6 che aiutano l'attività del nostro sistema immunitario e a prevenire le malattie a carattere cronico degenerativo. La cipolla è fonte di selenio e se associamo il suo consumo ad altri alimenti particolarmente ricchi di vitamina C, come ad esempio rucola e arance, potenzieremo le sue proprietà antiossidanti. L'uso quotidiano di questo alimento contribuisce all'assunzione di minerali importanti come calcio, magnesio e potassio. Questi minerali sono importanti per molte funzioni fisiologiche e per la regolazione delle membrane nervose e muscolari.

Vitamina
e minerale
Quantità
per porzione
Copertura fabbisogno
giornaliero*
Vitamina C 15 mg 14,2% (per gli uomini)
17,6% (per le donne)
Folati 38 mg 9,5%
Vitamina B6 0,2 mg 15,4%
Calcio 46 mg 4,6%
Potassio 292 mg 7,5%
Selenio 1 mcg 1,8%
Fosforo 58 mg 8,3 %
Magnesio 20 mg 8,3%
*Il dato del fabbisogno giornaliero è riferito a un adulto, rispetto al consumo di una porzione (200 grammi)
Fonti dati e tabella soprastante: Mipaaf, Crea - AlimentiNutrizione, National Library of Medicine - Pubmed

Cipolla-infografica-denominazione-produzioni-ByAgroNotizie-490x368.jpeg
Sono tante le tipologie di cipolla coltivate in Italia: guarda le varietà su Plantgest®
(Fonte foto: AgroNotizie)

Nutraceutica

Studi condotti negli ultimi dieci anni hanno dimostrato le potenti proprietà nutraceutiche di questo ortaggio. Oltre a contenere molti nutrienti la cipolla è ricchissima di composti bioattivi: la quercitina e i suoi derivati, presenti principalmente nelle varietà bianche e gialle, e gli antociani che donano il colore alle varietà rosso violaceo e conferiscono a questo alimento proprietà anticancerogene. Se consumate crude, le cipolle hanno un effetto ipoglicemizzante per la presenza di composti quali il glucochinino e la difenilalanina, che hanno un effetto simile a quello degli ipoglicemizzanti utilizzati per via orale. Le cipolle svolgono anche una potente azione diuretica e drenante e il consumo regolare di questi alimenti nella dieta svolge un'azione regolatrice sulla pressione diastolica e nella normalizzazione delle uricemie.


Scegliere, consumare e conservare

Le cipolle devono essere sode al tatto, prive di ammaccature e senza macchie scure sulla superficie. Le gialle, e talvolta anche quelle rosse, hanno una buccia esterna cartacea più spessa di quella bianca che a volte si sfalda, ma sono adatte comunque al consumo. Conservatele in un luogo fresco e asciutto e mai in sacchetti di plastica perché le cipolle hanno bisogno di stare in un ambiente aerato per rimanere fresche, potete anche affettarle e conservarle in un contenitore ermetico di vetro in frigorifero per qualche giorno. Se ne avete comprate troppe e non pensate di consumarle in breve tempo potete congelarle: tagliatele a fette e distribuite uniformemente le fettine di cipolla su una teglia. Riponetele poi nel congelatore. Una volta che i pezzi sono congelati, potete raccoglierli in busta con cerniera e conservarli nel congelatore per alcune settimane.

Cipolla-infografica-denominazione-produzioni-QDC-Superfici-ByAgroNotizie-490x368.jpeg
Elaborazione statistica basata su dati di QdC® - Quaderno di Campagna®, che gestisce in Italia 2400 ettari di cipolla
(Fonte foto: AgroNotizie)

Suggerimenti per il consumo

Le cipolle sono alimenti molto versatili e possono essere utilizzate per tante preparazioni come zuppe, secondi piatti, antipasti e contorni. Ogni varietà ha un suo utilizzo migliore, per cui riportiamo qui alcuni utili suggerimenti. Le cipolle bianche sono generalmente le più dolci, con una nota a volte pungente: sono ottime consumate crude per insaporire panini, insalate o salse fredde. Le cipolle gialle sono molto versatili e si adattano a molte preparazioni (ad esempio sono ottime per essere caramellate). Le cipolle rosse hanno invece un sapore leggermente piccante, per il loro colore e la loro croccantezza sono perfette come ingrediente nelle insalate miste, ricette di carne o tagliate a fettine in panini con formaggi e salmone o carni fresche.

La nostra ricetta

Cipolle ripiene di verdure e formaggio brie

Le cipolle vengono solitamente utilizzate per i soffritti o per insaporire le pietanze. Vi proponiamo oggi una ricetta nuova e molto gustosa: un secondo piatto in cui le cipolle sono le vere protagoniste.

Ingredienti per 4 persone
8 grosse cipolle
80 grammi di pomodori datterini 
2 zucchine
2 spicchi di aglio
120 grammi di pangrattato
90 grammi di formaggio tipo brie a pezzetti o altro formaggio a piacere
60 grammi di prezzemolo tritati
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
600 millilitri di litro di brodo vegetale
1 bicchiere di vino bianco
Un pizzico di sale
Pepe a piacere


Preparazione
Preriscaldare il forno a 180°C. Mettete a bollire il brodo vegetale con il bicchiere di vino in un tegame. Tenete un po' di brodo da parte per la cottura in forno. Nel frattempo, tagliate qualche millimetro alla base delle cipolle, in modo che stiano "in piedi". Tagliate la parte superiore e svuotatele con un coltello affilato (utilizzate questa parte per altre ricette). Fate cuocere le cipolle svuotate nel brodo per pochissimi minuti. Preparate ora il ripieno. Tagliate i pomodorini in piccole parti e così e le zucchine. Aggiungete gli spicchi di aglio tritati, il prezzemolo, il pangrattato, il brie a pezzetti, l'olio, il sale e pepe e riempite le cipolle. Disponetele su una teglia ricoperta da carta forno, bagnandole con un po' di brodo. Cuocete per 30 minuti e servitele calde con qualche goccia di olio extravergine di oliva.

Valori nutrizionali per 1 porzione
Proteine 8,6 g
Lipidi 16,8 g
Carboidrati 27,8 g
Energia 297 Kcal


Rimedi fitoterapici

Nella fitoterapia viene generalmente utilizzato il bulbo della cipolla, ma alcuni studi recenti hanno individuato la presenza di composti bioattivi anche nel fusto. La cipolla viene utilizzata per il trattamento di una serie di problematiche come la perdita di appetito, per alcuni disturbi della colecisti e della digestione, per la 'pulizia' dei vasi sanguigni e quindi per ridurre l'ipertensione.
Ha proprietà vasodilatatorie e veniva un tempo utilizzata per curare raffreddori e mal di gola. Il suo succo può essere utilizzato come rimedio naturale per combattere i parassiti intestinali.
Un'ultima importante applicazione: sono stati realizzati recentemente da alcune aziende prodotti specifici contenenti componenti estratti dalla cipolla e allantoina che migliorano l'aspetto delle cicatrici dovute ad interventi chirurgici.


Curiosità

La cipolla era adorata dagli antichi Egizi. Credevano infatti che la sua forma sferica e gli anelli concentrici simboleggiassero l'eternità. Coprivano le tombe dei loro sovrani con immagini di cipolle e questi alimenti venivano anche utilizzati nei rituali delle sepolture, perché si riteneva fossero propiziatori alla vita nell'aldilà. Pensate che il più antico raccolto di cipolle risale all'età di bronzo, nel 5000 a.C.


Plantgest®, QdC® e Quaderno di Campagna® sono marchi registrati da Image Line Srl Unipersonale

Bibliografia

Mipaaf - Sai quel che mangi, qualità e benessere a tavola.
National Library of Medicine - Pubmed
Crea - AlimentiNutrizione
Guide to cultivated plant di ATG Elzebroek and K Wind, 2008
La frutta e la verdura italiane rappresentano un elemento fondamentale della nostra cultura e di una dieta sana e sostenibile. La dieta mediterranea è uno stile alimentare che si basa proprio sul consumo prevalente di alimenti di origine vegetale. Quali sono gli aspetti nutrizionali e nutraceutici di questi prodotti? Come sceglierli, conservarli e consumarli? Queste sono solo alcune delle cose che potrete trovare nella rubrica "Ciboteca italiana, tutto quello che volete sapere sui prodotti ortofrutticoli made in Italy" realizzata da Image Line in collaborazione con Stefania Ruggeri (leggi la sua biografia): nutrizionista, docente universitaria, ricercatrice del Crea con diversi incarichi istituzionali nazionali ed internazionali, scrittrice e divulgatrice. Ciboteca italiana si lega a TellyFood, nuovo progetto di Image Line che vuole raccontare la storia dei prodotti ortofrutticoli dal campo alla tavola. Uno strumento semplice, con due grandi obiettivi: premiare la qualità dei prodotti agroalimentari italiani e rendere la lista della spesa più trasparente, sicura, sostenibile, utile ed in linea con le proprie passioni ed i propri aspetti etici

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: ortofrutta nutraceutica consumi cibo e alimentazione

Rubrica: Ciboteca italiana

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 268.887 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner