Verso una pataticoltura di qualità

Se ne parla in un incontro tecnico il 23 febbraio a Castenaso (Bo)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

patata-crpv.jpg

Castenaso (Bo)

Lunedì 23 febbraio alle 16.30 è in programma a Villanova di Castenaso (Bo) nella sala Apoconerpo un incontro tecnico sul tema “Pataticoltura di qualità”, promosso da Astra Innovazione e Sviluppo, nell’ambito del Programma “Sperimentazione a supporto della pataticoltura regionale” cofinanziato dalla Regione Emilia Romagna. Promotori dell’iniziativa sono anche il Crpv, Centro ricerche produzioni vegetali, le Associazioni produttori patata Assopa e Appe Coop, il Consorzio patata italiana di qualità, il Cra, Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura, e il Cer, Canale emiliano romagnolo.

L’incontro si pone l’obiettivo di presentare i risultati di un progetto di sperimentazione sulla patata, che ha coinvolto tutti gli enti promotori. Nel dettaglio le attività di sperimentazione hanno riguardato diversi aspetti delle varietà prese in esame, dalle qualità organolettiche a quelle merceologiche, mettendo in rilievo caratteristiche quali la regolarità della forma, il colore della buccia e della polpa, il contenuto in sostanza secca, i difetti da fisiopatie, fino a valutazioni in merito all’idoneità alla cottura e alla preparazione di cibi.

Verrà inoltre approfondito il tema della difesa dagli elateridi, insetti ben noti per i danni che arrecano alla coltura della patata. Alla luce delle particolari problematiche emerse anche durante la campagna 2014, favorite da un clima alquanto piovoso, a cura del Servizio fitosanitario di Bologna, del Consorzio italiano patata di qualità e del Dipartimento di Scienze agrarie, verranno presentate le attività di monitoraggio svolte con il contributo dei tecnici e verranno formulate alcune proposte operative, non solo in termini di difesa, ma anche di adeguamenti nelle tecniche culturali, per cercare di arginare l’azione di questi parassiti.

Infine saranno presentate alcune sperimentazioni condotte da Cer, Canale emiliano-romagnolo, inerenti il supporto all’irrigazione, al fine migliorare gli aspetti produttivi e favorire il risparmio idrico. Saranno riferite le esperienze di installazione, sui terreni di alcune aziende agricole, di uno o più sensori, in grado di misurare il livello di umidità. I dati così rilevati, tramite wireless, possono essere trasferiti al computer dell’azienda per essere utilizzati nella gestione puntuale dell’irrigazione. Questo sistema innovativo sarà comparato con quelli che si basano su piattaforme web consolidate e oggi ampiamente utilizzati, per verificarne costi e vantaggi.

L’incontro tecnico sarà introdotto da Vanni Tisselli (Crpv) e prevede gli interventi di Paolo Pasotti (Astra), Bruno Parisi (Cra-Cin), Tiziano Galassi, Massimo Bariselli, Alda Butturini (Servizio fitosanitario della Regione Emilia-Romagna), Giovanni Burgio (Dipartimento Scienze agrarie-Unibo) e Stefano Anconelli (Cer).

Per il programma in formato .Pdf clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.628 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner