Quando al mais viene messo il turbo

Mais Expert Campus 2014 – Presentato a Ossago Lodigiano Quilt Xcel di Syngenta, il fungicida per il mais che oltre a proteggere le piante dai patogeni ne esalta la risposta fisiologica contro gli stress

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

syngenta-ossago-mais-quilt-xcel.jpg

Quilt Xcel di Syngenta innalza le produzioni finali del mais

Lo stress non piace a nessuno, uomini, animali o piante che siano. Un organismo stressato è meno performante e reagisce sempre male agli stimoli esterni. Nel Mondo vegetale ciò significa minor efficienza fotosintetica, scarsa capacità di sfruttare le sostanze nutritive e l’acqua nel terreno. Come se non bastasse, una pianta stressata si mostra più debole anche nei confronti di alcuni patogeni fungini ed è più facilmente colonizzabile anche dai microrganismi produttori di micotossine. Caldo e siccità sono infatti le due condizioni sufficienti e necessarie perché nel mais si moltiplichino queste molecole che, sebbene naturali, mostrano profili tossicologici alquanto sfavorevoli.
Permettere alla coltura di opporsi più efficacemente agli stress termici e idrici è quindi un prezioso viatico per ottenere anche produzioni più sane oltre che più abbondanti.
 
Per migliorare lo stato di salute e la performance del mais è senz’altro utile adottare le più corrette densità di semina, le quali devono essere funzionali alle specifiche genetiche degli ibridi, come pure le più idonee fertilizzazioni e irrigazioni. Ma contro il caldo nulla vi è da fare e talvolta anche le pratiche di irrigazione non sono possibili. Ciò non implica però che il maiscoltore si debba mettere il cuore in pace e affidarsi alla Divina Provvidenza. Al contrario, può fare molto per le proprie colture. Per esempio può applicare prodotti capaci di stimolare alcuni processi fisiologici delle piante, aiutandole a superare meglio i momenti di massimo stress cui sono sottoposte.
 
Specialmente la fase di fioritura è nel mais delicatissima. La coltura necessita infatti in quella fase del massimo delle attenzioni, perché molta della produzione dipenderà da come avverrà la fioritura e la fecondazione. Non è quindi per caso che Syngenta ha messo a punto una strategia di intervento atta a conferire al mais il massimo della salute possibile proprio nelle fasi più delicate.
 

Un trattamento che fa la differenza

 
Quilt® Xcel è la nuova proposta di Syngenta per il mais. Consta di due sostanze attive fra loro complementari come azoxystrobin e propiconazolo e oltre a proteggere il mais dalle patologie fungine più comuni per la coltura sono in grado di conferire alla medesima una più elevata soglia di tolleranza verso le carenze idriche e gli eccessi termici. In altre parole, a parità di condizioni stressanti, le piante trattate con Quilt® Xcel riescono comunque a produrre di più, sia quantitativamente, sia qualitativamente.
Gli effetti benefici più marcati si misurano in una maggiore attività fotosintetica grazie alla superiore presenza di clorofilla, la quale porta visivamente un forte effetto rinverdente. Contemporaneamente, vengono anche ottimizzati i processi di respirazione cellulare e di apertura/chiusura degli stomi. Ciò minimizza le perdite di sostanza secca dovute ai consumi metabolici della pianta, la quale può quindi accumulare una quota maggiore delle sostanze fotosintetizzate. Anche l’efficienza nello sfruttare la risorsa idrica risulta innalzata, permettendo alle piante di mantenere alto il proprio metabolismo anche a fronte di minori quantità di acqua disponibili.
Alla raccolta ciò si tradurrà in marcati incrementi produttivi, i quali spiccheranno non solo per i quintali ad ettaro prodotti, ma anche per la loro miglior qualità e stato sanitario.
 
Tecnicamente, il posizionamento ideale di Quilt® Xcel è fra la fase delle 9-10 foglie e l’inizio fioritura. Applicato in questa finestra temporale il prodotto conferisce alla coltura gli strumenti metabolici necessari all’espletamento delle proprie funzioni proprio nel momento più delicato.
Correttamente applicato, Quilt® Xcel può innalzare le produzioni di circa 10 quintali di granella per ettaro (dati medi sperimentali). Se si considera che l’investimento necessario al trattamento, da effettuarsi con gli appositi irroratori utilizzati dai terzisti per la piralide, rappresenta una valore pari a circa la metà, ovvero più o meno 5 quintali, la convenienza finale netta per l’agricoltore risulta evidente.

Il corretto posizionamento di Quilt Xcel è fra la fase di 9-10 foglie e inizio fioritura