Ribeca: il sistema di rilievo del benessere animale

Il progetto di Crpa permetterà di individuare gli eventuali punti critici, le non conformità e i possibili interventi migliorativi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

giovani-agricoltori-allevatori-computer-internet-by-ivonne-wierink-fotolia-750x500.jpeg

Il progetto Ribeca è coordinato e condotto dalla Fondazione Crpa
Fonte foto: © Ivonne Wierink - Fotolia

Una checklist per il rilievo del benessere animale e un programma di input, calcolo e verifica di quanto previsto dalla normativa vigente e dalle raccomandazioni Efsa utilizzabile direttamente dagli allevatori nella propria azienda. Questo è l'obiettivo del progetto biennale "Ribeca, applicazione di un sistema innovativo di rilievo del benessere animale negli allevamenti bovini da carne", coordinato e condotto dalla Fondazione Crpa e finanziato dal Mipaaf. L'attività prevede il coinvolgimento diretto di sette allevamenti bovini da carne piemontesi e veneti condotti da giovani imprenditori agricoli e delle loro associazioni, Asprocarne e Unicarve.

In ogni singola azienda il sistema Ribeca permetterà di individuare gli eventuali punti critici, le non conformità e i possibili interventi migliorativi strutturali e gestionali, valutandone il loro più probabile costo di realizzazione. Lo scopo del progetto consiste nella messa a punto e nell’applicazione di un sistema innovativo di rilievo e valutazione del benessere negli allevamenti bovini da ingrasso, che tenga conto delle raccomandazioni del parere scientifico dell’Efsa (2012) sul benessere dei bovini tenuti in sistemi d’allevamento per la produzione di carne. Le indicazioni riportate riguardano aspetti strutturali e manageriali, quali le tipologie di stabulazione, le superfici unitarie da assegnare ad ogni capo, i capi per ogni box, i pavimenti e i materiali da lettiera, il controllo del microclima all’interno delle stalle, la distribuzione di alimento e acqua di bevanda, le interazioni uomo-animale, le mutilazioni e il controllo delle malattie. Nel parere viene effettuata, per la prima volta nel settore bovino da carne, l’analisi dei rischi in relazione al benessere animale.

Seguendo le indicazioni dell’Unione europea a riguardo, la Fondazione Crpa metterà a punto questo sistema basandosi sia su valutazioni effettuate direttamente sugli animali (vedi protocollo Welfare Quality®), sia su valutazioni dei sistemi di stabulazione e della procedure gestionali. All’interno del progetto il sistema Ribeca verrà utilizzato per la valutazione del benessere in 130 allevamenti bovini da ingrasso di diverse regioni italiane (Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana e Marche) con verifiche sulle principali tipologie d’allevamento e sulle diverse razze da carne (Piemontese, Charolaise, Limousine, Blonde d'Aquitanie, Romagnola, Marchigiana, Chianina). Inoltre, in un campione rappresentativo di questi allevamenti si valuterà anche l’incidenza di queste nuove indicazioni Efsa sul costo di produzione della carne bovina.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.507 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner