Un'agricoltura sempre più digitale

Firmata da 24 Stati membri una dichiarazione di cooperazione sulla digitalizzazione dell'agricoltura nelle aree rurali europee. Prossimi passi: un dataspace a livello europeo e un'infrastruttura digitale innovativa

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

agricoltura-digitale-smartphone-internet-by-theerapong-fotolia-750.jpeg

La firma è avvenuta nel corso del Digital day 2019
Fonte foto: © Theerapong - Fotolia

Digital day 2019, firmata, da 24 Stati Ue, tra cui l'Italia, una dichiarazione di cooperazione sulla digitalizzazione dell'agricoltura nelle aree rurali europee. I firmatari creeranno un dataspace a livello europeo e un'infrastruttura digitale innovativa per permettere la crescita di un'economia sostenibile. Oggi esistono già progetti per la raccolta di ortaggi e l'ottimizzazione della produzione lattiero-casearea.


Firmata la dichiarazione di cooperazione per l'agricoltura intelligente

Sono 24 gli Stati membri, tra cui l'Italia, che hanno firmato, in occasione del Digital day 2019, una dichiarazione di cooperazione su "un futuro digitale intelligente e sostenibile per l'agricoltura e le aree rurali europee". Dichiarazione che mira a riconoscere il potenziale delle tecnologie digitali capaci di far fronte a sfide economiche, sociali, climatiche e ambientali che affliggono il settore agroalimentare nell'Unione europea e nelle zone rurali.


Creazione di nuovi posti di lavoro e crescita sostenibile

L'obiettivo della dichiarazione di cooperazione è quello di intraprendere una serie di azioni a sostegno di una digitalizzazione di successo dell'agricoltura e delle aree rurali in Europa, nonché dello smart farming, che si basa sull'idea di creare sistemi di supporto di tecnologie Ict in grado di elaborare dati in tempo reale, in termini di crescita e sviluppo, e quindi di rafforzare i settori dell'agricoltura intelligente e della tracciabilità dei prodotti alimentari.

In questo modo l'agricoltura intelligente non solo contribuirà ad aumentare l'efficienza delle fattorie, ma può anche favorire la creazione di posti di lavoro e crescita sostenibili, oltre che a migliorare la qualità della vita nelle zone rurali.


L'agricoltura come settore chiave per investimenti mirati

Secondo i firmatari e la Commissione europea, le tecnologie digitali come Artificial intelligence (Ai), robotica, blockchain, High performance computing (Hpc), Internet of things (Iot) e 5G hanno il potenziale per aumentare l'efficienza dell'azienda agricola migliorando al tempo stesso la sostenibilità economica e ambientale. Per questo motivo, un maggiore uso delle tecnologie digitali permette anche di attrarre una generazione più giovane alle imprese agricole anche nelle zone rurali.

Inoltre la Commissione europea ha identificato l'agricoltura come una delle aree di applicazione chiave in cui sono necessari investimenti mirati, come quello della digitalizzazione dell'economia, essenziale anche per raggiungere gli obiettivi nella comunicazione sull'Intelligenza artificiale (Ia) dell'Unione europea.


Progetti di tecnologie digitali per l'agricoltura del programma H2020

Per il settore agroalimentare esistono già dei progetti di tecnologie digitali avanzate, per esempio "Sweeper", un robot per la raccolta di peperoni dolci, un progetto di utilizzo robotico, o "Data driven dairy decisions for farmers ( 4D4F)", una rete per produttori di latte, fornitori, società per migliorare il processo decisionale nelle aziende lattiero-caseario basato sui dati generati dai sensori. O ancora, "IoF2020", un progetto che si basa sull'implementazione delle tecnologie dell'internet delle cose con l'obiettivo di occuparsi di cinque aree specifiche di intervento come i raccolti, produzione di carne, ortaggi e verdure e di migliorare le tecnologie di diserbo biologiche e di affrontare un'analisi della qualità dei raccolti. Esiste anche "Pantheon", che sta sviluppando un sistema robotizzato che renderà l'agricoltura della nocciola più produttiva e rispettosa dell'ambiente attraverso un meccanismo robotizzato di raccolta.

Questi progetti sono finanziati dall'Unione europea per il progetto Horizon2020, il più grande programma di ricerca e innovazione dell'Unione europea con quasi 80 miliardi di euro di finanziamenti disponibili dal 2014 al 2020.


Miglioramento della competitività del settore agricolo

Il vicepresidente per il mercato unico digitale Andrus Ansip, il commissario per l'Economia e la società digitale Mariya Gabriel e il commissario per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan hanno dichiarato che "l'agricoltura e le aree rurali europee devono beneficiare pienamente della continua trasformazione digitale delle nostre economie e società" aggiungendo inoltre che "gli Stati membri riconoscono l'importanza e l'urgenza di lavorare insieme al fine di migliorare la competitività del settore agricolo e il benessere dei cittadini che vivono nelle zone rurali".


Prossimi passi, creazione di un'infrastruttura e dataspace europeo

Ora, gli Stati membri firmatari che hanno convenuto di collaborare più strettamente per rafforzare il sostegno alla ricerca in settori come quello dell'agricoltura intelligente e per la tracciabilità dei prodotti alimentari, lavoreranno al fine di istituire un'infrastruttura digitale di innovazione a livello europeo per un settore agroalimentare europeo intelligente e di creare un dataspace europeo per le applicazioni agroalimentari intelligenti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.156 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner