Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

La redazione di AgroNotizie

Alessio Pisanò

Alessio Pisanò

Corrispondente da Bruxelles

Nato nel 1982 a Lecce, cresciuto a Verona, dal 2008 vivo a Bruxelles dove lavoro come giornalista freelance e mi occupo di digital communication per singoli e associazioni. Scrivere di Europa non vuol dire scrivere di “Esteri”, è solo una parte di “Interni”, chi lo deve ancora capire se ne accorgerà di colpo un giorno. Parlare “di Ue” seriamente e senza luoghi comuni in Italia non è facile, ma noi ci proviamo.

Come ogni freelancer che si rispetti, le collaborazioni vanno e vengono. Attualmente scrivo per IlFattoQuotidiano.it, Italpress, e saltuariamente per Lettera43, L'Arena di Verona, Il Giornale di Vicenza, Left Avvenimenti, Il Salvagente. Lavoro come videomaker per EurActiv.it e, saltuariamente per Eunews.it. Da fine gennaio 2014 ho iniziato a collaborare con AgroNotizie. In questi anni ho scritto anche per Helpconsumatori, L'Indro e fino al dicembre 2012 ho curato una rubrica di attualità europea per la televisione online BobineTV.

Scrivo in inglese di Ecoinnovazione per il sito EcoAp della Commissione europea e per il The New Federalist, il magazine online dei giovani federalisti europei, le cui idee mi intrigano parecchio.

Gestisco tre blog: www.alessiopisano.com, uno su IlFattoQuotidiano.it e l'altro in inglese su BlogActiv.eu dove, ovviamente, scrivo sempre di Europa.

Cosa penso dell'Europa (o dell'Ue)? Che potrebbe essere la soluzione a tutti i mali... o quasi...

Sfoglia gli articoli di Alessio Pisanò

Contatta l'autore

Giovani agricoltori, più opportunità con la Pac

Facilitare l'accesso alla terra e ai finanziamenti, favorire il ricambio generazionale e la formazione professionale. Questi i punti principali del rapporto dell'eurodeputato Nicola Caputo sull'attuazione degli strumenti della Pac: la videointervista
giovani-agricoltura-formazione-by-goodluz-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Difficoltà di accesso ai terreni, impossibilità di accedere agilmente al credito e assenza di una formazione professionale adeguata. Queste sono le difficoltà principali dei giovani agricoltori europei evidenziate nel rapporto sull'attuazione degli strumenti della Politica agricola comune (Pac) a favore dei giovani agricoltori nell'Unione europea dopo la riforma del 2013, presentato dall'eurodeputato Nicola Caputo (S&D). Le proposte fatte alla Commissione tendono ad un inserimento rapido e semplificato dei giovani nelle imprese, permettendo così il necessario ricambio generazionale.   Aumentare il livello di finanziamento Pac al 2% Nel complesso, gli attuali aiuti della Politica agricola comune (Pac) sono percepiti come contributo all'ingresso di una nuova generazione di agricoltori nel settore. Tuttavia, in diversi paesi si è reso evidente che i fondi disponibili fossero insufficienti per concedere un premio a ...

Pacchetto Omnibus: la svolta della Pac

Approvate dall'Europarlamento le nuove regole: più attenzioni ai giovani, semplificazione e strumenti più affidabili per affrontare crisi di mercato e rischi di produzione. Soddisfazione del Governo italiano, della Coldiretti e di Paolo De Castro: guarda il video
campo-agricolo-agricoltura-by-igor-mojzes-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Nuove regole per semplificare la Politica agricola comune dell'Unione europea. Le ha approvate l'Europarlamento e permetteranno di rafforzare la posizione negoziale degli agricoltori rispetto ai supermercati, migliorarne la capacità di affrontare i rischi di produzione e mercato, e ...

Piattaforma di garanzia Agri, al via i lavori

Obiettivo: migliorare l'utilizzo del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale per sostenere le scelte delle Pmi che operano nel settore della produzione, trasformazione e distribuzione di prodotti agricoli
soldi-euro-banconote-by-marco-scisetti-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Prestiti a bassi tassi d'interesse per le piccole e medie imprese occupate nei settori della produzione, trasformazione e distribuzione di prodotti agricoli. Si è svolta la prima riunione del Comitato di investimento della piattaforma di garanzia "Agri" lanciata in ...

La Pac si rifà il look

Più semplice e flessibile, più attenta ai giovani e all'ambiente: questo l'aspetto che la Politica agricola comune potrebbe avere dal 2019. E se da un lato c'è chi pensa che sia una buona base di partenza, dall'altro ci sono dubbi sulla strategia alimentare
campi-campo-campagna-campagne-albero-prato-by-thierry-ryo-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Più competenze agli Stati membri, più attenzione al clima, alla sostenibilità e ai giovani agricoltori, meno burocrazia e un approccio orientato ai risultati. Il commissario europeo per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan ha presentato alla Commissione Agri ...

Giovani agricoltori, l'Unione europea a confronto

Se per il Ceja il 20% della Pac deve essere finalizzato al ricambio generazionale, per il Crea servono buoni e aiuti alle imprese per aumentare l'occupazione nel settore. Per la Corte dei conti, invece, occorre definire meglio chi deve essere sostenuto dall'Ue
giovani-agricoltura-formazione-by-goodluz-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Il Parlamento europeo si confronta sulle misure per sostenere i giovani agricoltori. La Commissione Agricoltura sta elaborando una relazione sulle misure concordate nella riforma della Pac del 2013 di cui è il relatore l'italiano Nicola Caputo (Pd). Nel frattempo, un'audizione ha ...

29 nov Zootecnia

Apicoltura: sfide e prospettive

Proposto dalla Commissione Agricoltura del Pe un aumento di 47 milioni l'anno del bilancio dell'Ue per il sostegno del settore. Chiesti anche interventi per combattere la contraffazione del miele e maggiore tutela della salute delle api
api-ape-alveare-apicoltura-by-irochka-fotolia-750x750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Un aumento di 47 milioni di euro l'anno del bilancio dell'Unione europea per i programmi nazionali di apicoltura. E' la proposta della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo che ha approvato una bozza di risoluzione sulle prospettive e le sfide del settore apicolo ...

Biologico, via libera dalla Commissione Agricoltura

L'organo europeo ha approvato il regolamento che prevede più controlli, regole anti-contaminazione e rispetto degli standard europei. Dovrebbe entrare in vigore il primo gennaio 2021, ma prima è necessario il voto del Parlamento e del Consiglio Ue
verdure-ortaggi-ortofrutta-biologico-by-kazoka303030-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

L'Unione europea prepara nuove regole per gli alimenti biologici e la loro etichettatura. Le nuove regole sono state approvate mercoledì scorso dalla Commissione per l'Agricoltura del Parlamento europeo. Il regolamento dovrebbe entrare in vigore dal primo gennaio 2021. Prima, ...

Brexit: opportunità e rischi per l'agroalimentare

Se da un lato l'uscita del Regno Unito dall'Ue potrebbe essere positiva per carni rosse e bestiame in Francia e per il grano in Spagna, dall'altro si avrà un impatto negativo su Pac e scambi nell'agroalimentare Ue-Uk. La videointervista a Paolo De Castro
brexit-europa-gran-bretagna-scacchi-by-pixelbliss-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Quale impatto avrà la Brexit, l'uscita del Regno Unito dall'Ue, sul settore agroalimentare dell'Unione europea e sulla Pac, la Politica agricola comune? Al Parlamento europeo è stato organizzato un workshop per provare a dare delle risposte. Si prevedono una ...

Pacchetto Omnibus, la svolta della parte agricola

Al termine delle fasi procedurali di routine, diventerà un regolamento autonomo ed entrerà in vigore dal primo gennaio 2018
agricoltura-campi-campo-arato-lavoro-agricolo-by-mykola-mazuryk-fotolia-750x750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Diventerà un regolamento autonomo la parte agricola del Pacchetto Omnibus. Il comitato dei rappresentanti permanenti degli Stati membri e i presidenti dei gruppi politici del Parlamento europeo hanno dato il via libera allo scorporo delle disposizioni agricole dal resto del Regolamento ...

Sviluppo rurale, cosa va e cosa non va

Per la Corte dei conti europea il quadro strategico presentato dalla Commissione Ue ha delle carenze che incidono negativamente sulla performance e sui risultati. Necessario migliorare il prossimo processo di programmazione
campo-arato-by-sondem-fotolia-750

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

Il nuovo processo presentato dalla Commissione europea per la pianificazione dello sviluppo rurale nel periodo 2014-2020 è troppo lungo e complesso. Lo ha stabilito la Corte dei conti europea che nella sua relazione - curata, tra gli altri, anche da due italiani - ha ravvisato "carenze ...

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 18 gennaio a 135.236 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner