Biosicurezza in vitellaia

Una gestione consapevole e mirata permette di ridurre e prevenire il rischio e la diffusione di patologie infettive. Sprayfo consiglia quindi l’applicazione di protocolli gestionali per ogni fase della vita del vitello

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

sprayfo-nutreco-biosicurezza-in-vitellaia-redazionale-5-11-giugno-2015.jpg

L'applicazione di piani di lavoro ad hoc riduce il margine di errore e aiuta l'allevatore a raggiungere gli obiettivi finali preposti

Prevenire è meglio che curare”. Questo il paradigma da seguire per una corretta gestione della vitellaia che suggerisce Sprayfo: nella realtà aziendale di tutti i giorni, infatti, gli interventi di emergenza non possono sostituire un valido management.

Punto cardine di una corretta gestione della vitellaia è sicuramente la biosicurezza che rappresenta un sistema di gestione aziendale atto a ridurre e prevenire il rischio che si introduca e che si diffonda in allevamento una patologia infettiva. La biosicurezza non è per forza sinonimo di investimento di capitali poiché è sufficiente una gestione maggiormente consapevole e mirata alla propria realtà aziendale.

La semplice esposizione agli agenti infettivi, infatti, non è causa sufficiente dell’insorgere della patologia. L’ago della bilancia tra salute e malattia è molto spesso un sottile equilibrio tra il vitello, i fattori ambientali e i patogeni (virus, batteri e parassiti) ai quali l’animale può essere esposto. Per sviluppare un corretto piano di biosicurezza nella propria azienda è indispensabile essere a conoscenza dell’interazione di questi tre fattori al fine di intervenire sui punti critici prima che gli equilibri si spostino a sfavore del vitello.

Insieme al veterinario si devono studiare i rischi: la tolleranza di perdite dovuta alle patologie infettive e la probabilità che questi rischi si verifichino nel proprio allevamento. Il passo successivo comporta la valutazione razionale di questi rischi e un’attenta pianificazione per gestirli al meglio. La raccolta e l'analisi dei dati della vitellaia prima, e della produzione poi, è alla base delle strategie di prevenzione delle emergenze, della pianificazione delle misure sanitarie, dei piani gestionali, del benessere animale, della biosicurezza e del miglioramento del management.

L’applicazione di protocolli gestionali per ogni fase della vita del vitello è dunque fondamentale per uniformare e migliorare tutte quelle operazioni di routine che avvengono ogni giorno in vitellaia.

Per questi motivi la possibilità di applicare piani di lavoro ad hoc riduce il margine di errore e ci aiuta a raggiungere gli obiettivi finali preposti attraverso una corretta gestione del vitello:
 
  • calo del tasso di morbilità e mortalità;
  • una maggior crescita e sviluppo mammario per una futura miglior lattazione;
  • espressione totale del potenziale genetico produttivo e riproduttivo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.912 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner