Fillossera o erinosi? Ecco come distinguere le due bollosità

Molti agricoltori riscontrano la presenza di bollosità sulle giovani foglie di vite. Può trattarsi di danni da fillossera o da erinosi. Saperle distinguere è fondamentale per pianificare la difesa

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

differenze-fillossera-erinosi-750x500.jpg

Le differenze tra fillossera ed erinosi sono evidenti osservando le galle
Fonte foto: Agronotizie

In questo 2020 i viticoltori hanno frequentemente riscontrato la presenza di bollosità sulle giovani foglie di vite. Non sapendo trovare la causa in molti si sono rivolti ai propri tecnici di fiducia o hanno rivolto quesiti sui social network per cercare consiglio e identificare la causa di tali malformazioni.

Risulta dunque utile chiarire quali possono essere le cause di questi sintomi. A causare le bollosità possono essere due insetti: la fillosseraDaktulosphaira vitifoliae (Fitch, 1855) o l'eriofide dell'erinosi (Colomerus vitis). Il primo è un afide, mentre il secondo è un acaro, ma entrambi questi insetti quando si nutrono della linfa della pianta scatenano una reazione nella foglia che porta alla creazione di bolle, più correttamente galle.

È tuttavia importante saper distinguere l'agente causale in modo da poter pianificare al meglio una difesa efficace della vite.
 

Galle da fillossera

La fillossera è un insetto che è tornato ad essere cruciale in viticoltura come spieghiamo approfonditamente in questo articolo. Le due caratteristiche principali delle bolle causate da questo afide sono il fatto che sporgono sulla pagina inferiore (l'afide punge la pagina superiore e la bolla si forma su quella inferiore) e la presenza all'interno delle uova che vengono deposte dalle femmine sulle foglie di nuova formazione. Le uova sono chiuse all'interno della bolla da una peluria prodotta dal tessuto vegetale.
 
Le galle provocate dalla fillossera sulla pagina inferiore della vite
Le galle provocate dalla fillossera sulla pagina inferiore della vite
(Fonte foto: Roberto Guidi)

Se dunque, osservando la pagina superiore della foglia la bolla appare chiusa, e strappando i tessuti vegetali si notano le uova dell'insetto significa che è in corso un attacco di fillossera e nell'articolo citato precedentemente spieghiamo in quale modo occorre trattare.

Sezione di una galla di fillossera. All'interno è possibile vedere l'adulto e le uova
Sezione di una galla di fillossera. All'interno è possibile vedere l'adulto e le uova
(Fonte foto: Roberto Guidi)


Galle da erinosi

Le bolle provocate dall'erinosi appaiono ad un'occhio inesperto simili a quelle di fillossera, ma si distinguono per due caratteristiche principali: le bollosità sono rivolte nella parte superiore della foglia (l'acaro punge la pagina inferiore e la bolla si forma su quella superiore).
 
Le galle provocate dall'erinosi sulla pagina superiore della foglia
Le galle provocate dall'erinosi sulla pagina superiore della foglia
(Fonte foto: Roberto Guidi)

Inoltre se si guarda la pagina inferiore si noterà che in corrispondenza delle bolle sono presenti delle masse feltrose, costituite da peli ipertrofici, inizialmente di colore bianco, rosato o ocraceo, che poi vira al rosso-brunastro con il progredire del disseccamento. All'interno della bolla non sono presenti uova, ma l'insetto stesso (invisibile ad occhio nudo) che si nutre della linfa della pianta.
 
Danni da erinosi sulla pagina inferiore di una foglia di barbera
Danni da erinosi sulla pagina inferiore di una foglia di barbera
(Fonte foto: Daniele Eberle)

L'erinosi non rappresenta un problema rilevante sia perché i danni che provoca sono limitati sia perché le popolazioni sono normalmente controllate da insetti utili e dai trattamenti di difesa insetticida e fungicida che normalmente vengono eseguiti in campo. Per questo motivo, a meno di infestazioni particolarmente gravi, non è necessario mettere a punto interventi specifici come nel caso della fillossera.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: viticoltura difesa vitivinicoltura

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.564 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner