Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Pesche, un settore afflitto da crisi cicliche

Negli ultimi anni si è assistito a una poderosa contrazione del settore in Italia e, di contro, a un vertiginoso aumento delle superfici in Spagna. Inoltre si profilano altri competitor come la Grecia

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

pesche-pesco-pesca-by-yevgeniy11-fotolia-750.jpeg

Il forum internazionale peschicolo si è tenuto ieri, 9 maggio, a Macfrut
Fonte foto: © yevgeniy11 - Fotolia

Il Macfrut, la fiera del settore ortofrutticolo in corso a Rimini, è l'occasione per fare il punto su molti aspetti strategici del comparto.

Conducendo i lavori del Forum sulla peschicoltura europea, in cui i rappresentanti delle organizzazioni produttive di vari paesi hanno fatto l'analisi statistica e le previsioni per il settore, ci siamo resi conto di quanto angusta sia ancora la prospettiva dell'Unione.

Il settore peschicolo è afflitto da almeno un paio di decenni da crisi cicliche - con cicli, bisogna ricordare, sempre più corti. Quando non è Madre natura a provvedere limitando le produzioni, parte la crisi.
Negli ultimi anni si è assistito a una poderosa contrazione del settore in Italia e, di contro, a un vertiginoso aumento delle superfici in Spagna.
Superfici che sono aumentate particolarmente in Catalogna, dove si producono principalmente varietà che maturano nel pieno dell'estate - in netta competizione con le produzioni del Nord e Centro Italia.
Gli spagnoli hanno eroso i mercati che erano in mano agli italiani già dagli anni '50 dello scorso secolo, riuscendo a competere sopratutto per quanto riguarda i costi di produzione.

In Spagna si produceva bene e a costi più bassi e ad oggi esporta il 70% di una produzione che negli anni è oramai divenuta pari a quella italiana (per inciso noi italiani siamo al 30% o poco più).
La coperta si sta facendo però più corta e anche gli spagnoli cominciano a soffrire con margini che sono sempre più risicati.

Si profilano poi altri competitor come la Grecia, che sta aumentando vertiginosamente sia le superfici sia l'esportazione, diretta sopratutto verso i paesi dell'Est.
Possiamo indovinare che sul palcoscenico europeo nei prossimi anni si proporranno sempre nuovi competitor, capaci di comprimere ancora di più i costi. E l'Unione pagherà magari i costi di nuovi impianti.

Noi non crediamo che con questo gioco al massacro si possa andare avanti.
Occorre una strategia europea (e mica solo per le pesche).
 
Convegno peschicolo a Macfrut 2018
Un momento del forum peschicolo che si è tenuto ieri, 9 maggio, a Macfrut
(fonte foto: © Cristiano Spadoni - AgroNotizie)

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: import/export mercati macfrut pesco

Temi caldi: Macfrut 2018

Speciale: Macfrut 2018

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner