Psr Umbria, proroga scadenza bando agriturismi

Spostato al 23 ottobre prossimo il termine per la presentazione delle domande di finanziamento per aprire o ristrutturare agriturismi e fattorie didattiche e sociali. All'interno il link al bando

agriturismo-casa-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Agriturismo e fattorie didattiche e sociali, l'Umbria sposta la scadenza del bando
Fonte foto: Matteo Giusti - Agronotizie

La Regione Umbria ha deciso di prorogare la scadenza per la consegna delle domande del bando per richiedere aiuti per la creazione e lo sviluppo di agriturismi, fattorie didattiche e fattorie sociali, attivato sull'intervento 6.4.1 del Psr.

La scadenza inizialmente prevista per il 23 settembre è stata spostata al 23 ottobre 2019.

Lo scopo del bando è quello di promuovere la creazione di nuovi agriturismi e la riqualificazione di agriturismi esistenti, la creazione e riqualificazione di strutture destinate alle attività di fattoria didattica e ad incentivare le attività di agricoltura sociale ed è attivo su tutto il territorio regionale, ad esclusione delle aree urbane di Perugia e di Terni.

Il bando mette a disposizione 3.443.568 euro a cui si aggiungono 400mila euro come quota riservata per proposte progettuali da realizzare esclusivamente nel territorio dei comuni dell'area interna Sud Est Orvietano rientranti e 400mila euro nel territorio dei comuni interessati dall'Iti Trasimeno.

Beneficiari sono gli agricoltori singoli o associati che abbaino imprese iscritte all'elenco regionale agriturismo o all'elenco regionale fattorie didattiche o che abbiano fatto istanza di iscrizione alla data di pubblicazione del presente bando e le aziende che esercitano o intendono esercitare attività di fattoria sociale ai sensi della legge regionale 12 del 2015.

Il bando finanzia le spese per gli interventi di ristrutturazione e miglioramento dei fabbricati aziendali e delle aree di pertinenza dei fabbricati stessi (compresa la realizzazione o ristrutturazione di impianti sportivi e piscine) e le spese per l'acquisto di beni mobili e di beni immateriali come software e realizzazione siti internet o acquisizione di brevetti, licenze e diritti d'autore.

Sono poi finanziabili anche le spese generali e anche le e spese in economia fino ad un importo di 20mila euro al netto dei materiali fatturati.

Il sostegno è concesso in forma di contributo in conto capitale che copre il 60% delle spese ammissibili, con un contributo massimo di 100mila euro ad azienda.

La domanda deve essere presentata tramite il portale Sian entro il 23 ottobre 2019 e, una volta compilata e rilasciata, deve essere sottoscritta dal titolare o legale rappresentante della ditta richiedente, scansionata e trasmessa a mezzo Pec alla Regione Umbria al seguente indirizzo:
direzioneagricoltura.regione@postacert.umbria.it

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina web ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.197 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner