Non c'è Agriumbria senza la Chianina

Anche quest'anno il Gigante bianco calcherà il ring di Bastia per dare vita a una mostra regionale di sicuro valore. A confrontarsi saranno infatti gli allevatori umbri, che da sempre contendono ai colleghi toscani le posizioni di vertice alle mostre nazionali

Allevatori Top di Allevatori Top

bovino-chianina-art-allevatori-top-per-agriumbria-2019.jpg

La finale dei giganteschi tori Chianini rappresenta da sempre una delle attrazioni di Agriumbria

Sarà per via delle sue stratosferiche "fiorentine", o forse perché è un gigante buono, dai muscoli possenti, ma comunque slanciato e dal carattere tendenzialmente mansueto. Di certo c'è che la Chianina è tra le più popolari e conosciute razze bovine italiane e che anche quest'anno arricchirà il panorama zootecnico di Agriumbria.

In programma c'è infatti la mostra regionale umbra che, così come è già avvenuto in passato, costituirà un appetitoso aperitivo della mostra nazionale, che si terrà a primavera inoltrata in terra di Toscana.

Mostra Chianina
Riconoscibile dal mantello bianco-porcellana, dalle notevole altezza al garrese e dagli arti più lunghi che nelle altre razze, la Chianina è anche nota come 'Gigante bianco'

Del resto in materia di allevamento del Gigante bianco, l'Umbria non è seconda a nessuno: con circa 8mila fattrici (su oltre 22mila) e con i suoi 500 e passa allevamenti iscritti al Libro genealogico dell'Anabic (che non a caso ha sede a Perugia) è da considerare il principale polo produttivo di questa razza.

Un bovino già caro agli Etruschi e ai Romani, che lo usavano per i sacrifici e nei cortei trionfali (è infatti ritratto nell'Arco di Tito), ma che oggi è particolarmente caro agli allevatori italiani per i suoi numerosi punti di forza: velocità di accrescimento, precocità e resa alla macellazione, qualità organolettiche della carne, facilità di parto, attitudini materne e capacità di adattamento all'allevamento estensivo, in regime brado e semibrado.

Senza naturalmente dimenticare sua maestà la fiorentina, o l'Igp Vitellone bianco dell'Appennino centrale, di cui la Chianina è tra gli assi portanti.

Chianina lombata
La Chianina ha nella qualità della carne uno dei suoi principali punti di forza

Dunque appuntamento a bordo ring, per una "regionale" che sarà sicuramente all'altezza delle aspettative.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Allevatori Top

Autore:

Tag: carne fiere bovini zootecnia mostre bovine

Temi caldi: Agriumbria 2019

Speciale: Agriumbria

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.616 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner