Il cibo meno contaminato del mondo? E' made in Italy

I prodotti agroalimentari con residui chimici oltre il limite sono solo lo 0,3%, a fronte di una media europea di 1,5%. Sergio Marini, presidente di Coldiretti: "A Expo 2015 dobbiamo raccontare l’Italia dei primati in qualità, sicurezza e ambiente"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agroalimentare-formaggi-vino-salumi-cibo-by-alessio-orru-fotolia-750x531.jpeg

Sergio Marini, presidente di Coldiretti: 'Il biglietto da visita dell’Italia è il cibo'
Fonte foto: © Alessio Orru - Fotolia

L’Italia conquista il primato in Europa e nel mondo della sicurezza alimentare con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici oltre il limite: sono solo lo 0,3 per cento, inferiori di cinque volte a quelli della media europea (1,5 per cento di irregolarità) e addirittura di 26 volte a quelli extracomunitari (7,9 per cento di irregolarità).

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Efsa diffusa in occasione del lancio della campagna per l’Expo 2015.
C’è una straordinaria Italia che viviamo tutti i giorni e che il mondo ci invidia: è l’Italia del buon cibo, della variegata agricoltura che modella paesaggio e società, che si nutre di tradizione e  innovazione e che ci permette di detenere i primati della qualità e della sicurezza, della biodiversità e della sostenibilità ambientale - ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini - Questa è l’Italia che con l’Expo 2015 dobbiamo raccontare al mondo”.
È l’Italia dell’agroalimentare dove convivono export di grande valore e vendita diretta degli agricoltori. "Il biglietto da visita dell’Italia è il cibo - ha continuato Marini - Il modello agricolo italiano è leader in Europa con 249 prodotti tipici a denominazione di origine riconosciuti, il maggior numero di aziende agricole biologiche (48269 operatori) e la maggiore biodiversità con 57468 specie animali e 12mila specie di flora, ma anche nel valore aggiunto per ettaro di terreno: la ricchezza netta prodotta per unità di superficie dall’agricoltura italiana è praticamente il doppio di quella di Francia e Spagna, il triplo di quella inglese ed una volta e mezzo quello tedesco".

L’Italia, ha ricordato Coldiretti, è il primo esportatore mondiale in quantità di vino, pasta, kiwi, pesche, mele e pere ma anche il principale produttori di pasta e ortofrutta. Senza contare il record di longevità grazie alla dieta mediterranea, il top di presenze per il turismo enogastronomico e quello ambientale con 871 parchi ed aree protette che coprono il 10 per cento del territorio.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.885 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner