REACH: al via uno studio di Eurostat

Lo studio e un set di indicatori evidenzieranno i progressi nella messa in atto del REACH

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

reach-studio-eurostat-schema.jpg

Fonte foto: Eurostat

Eurostat, in collaborazione con gli organi dell'Unione Europea responsabili per l'ambiente e l'industria, ha sviluppato uno studio  e un set di indicatori per monitorare l'attuazione del REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals - Registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche). 

Il set di indicatori misurerà i progressi verso il raggiungimento dei principali obiettivi del REACH: assicurare un elevato livello di protezione della salute umana e ambientale così come aumentare l'innovazione di prodotti chimici più sicuri.

Lo studio Eurostat parte da un riferimento al rischio (nominale) causato dai prodotti chimici ed ai fondamentali dati di qualità che erano disponibili quanto il REACH è entrato in vigore nel giugno del 2007.

I nuovi indicatori di rischio e di qualità saranno seguiti nel loro sviluppo nel tempo. Nel 2012-13 una seconda "istantanea" sui rischi e la qualità verrà scattata per controllare se il REACH avrà già ridotto i rischi causati dai prodotti chimici e come si sarà evoluta la qualità dei dati fondamentali.

Per accedere al documento completo in formato PDF clicca qui.

Per ulteriori informazioni visita il sito ufficiale del REACH.

Fonte: Eurostat

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.854 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner