Dall’agricoltura il contributo per la riduzione dei gas con effetto serra

La prima versione del manuale di pratiche ottimali sarà presentata venerdì 8 aprile nella sede centrale della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa assieme ai risultati del progetto Improved flux Prototypes for N2O emission reduction from agriculture

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

campi-campo-paesaggio-agricolo-collina-agricoltura-veduta-dall-alto-campagna-fattoria-azienda-agricola-aziende-agricole-by-claudio-colombo-fotolia-1000x669.jpg

Pisa, venerdì 8 aprile, ore 14.30
Fonte foto: © Claudio colombo - Fotolia

Se la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra è uno degli obiettivi priorità che le comunità internazionali intendono raggiungere per tenere testa anche ai cambiamenti climatici, un contributo significativo più arrivare dalle buone pratiche in agronomia. All’apporto dell’agricoltura, in termini di contenimento dei gas ad effetto serra, è dedicato il progetto europeo “Improved flux Prototypes for N2O emission reduction from agriculture” finanziato dal programma Life+ della Comunità europea, al quale è dedicato il convegno di venerdì 8 aprile (inizio 14.30 in aula magna storica) per presentare i risultati delle ricerche, inclusa la prima stesura di un manuale di buone pratiche.

Il progetto si concentra sul miglioramento del monitoraggio delle emissioni di protossido d’azoto (N2O) in agricoltura e sulla promozione delle buone pratiche per la mitigazione dei gas serra in Toscana. La Scuola superiore Sant'Anna è partner del progetto con il suo Istituto di scienze della vita, insieme al francese Inra e alla Regione Toscana. Il coordinamento è affidato a insieme a West Systems Srl (coordinatore).

Nel dettaglio, il progetto ha previsto lo sviluppo da parte di West Systems Srl di due prototipi per la misura dei flussi di protossido d’azoto dai suoli agricoli. L'Istituto di scienze della vita della Scuola superiore Sant'Anna si è occupato del monitoraggio delle emissioni con prove sperimentali al Centro di ricerche agroambientali Enrico Avanzi (Pisa) e nell'azienda sperimentale della Regione Toscana di Cesa (Arezzo), per identificare le pratiche ottimali per la riduzione delle emissioni di protossido d’azoto sulle principali colture erbacee presenti in Toscana.

Dopo due anni di dati raccolti sarà presentato un “Manuale di buone pratiche per la riduzione delle emissioni di N2O dai suoli agricoli in Toscana”, rivolto a tecnici, imprenditori agricoli e decisori politici.

I risultati del progetto e la versione preliminare del manuale saranno presentati durante il workshop di venerdì 8 aprile alla Scuola superiore Sant’Anna. Durante la giornata di studio sarà dato ampio spazio anche a una tavola rotonda a cui sono invitati a partecipare esponenti del mondo della ricerca, del mondo operativo, per ricevere commenti sulle opportunità pratiche di mitigazione delle emissioni di gas ad effetto serra da suoli agricoli.

Il programma dettagliato del workshop è disponibile QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.046 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner