Le biotecnologie vegetali in Italia

Gli atti dell’incontro Assobiotec sulle nuove frontiere per la genetica e l’agricoltura svoltosi lo scorso 4 ottobre all’Accademia dei Georgofili

Ivano Valmori di Ivano Valmori

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Assosementi - Associazione Italiana Sementi.

biotecnologie-georgofili-ivano.jpg

Accademia dei Georgofili, la genetica e l'agricoltura

La rivoluzione delle scienze “omiche”, il trasferimento genico nelle piante e le nuove tecniche di miglioramento delle varietà coltivate sono stati gli argomenti al centro di una giornata di studio organizzata da Assobiotec nell’ambito dell’European Biotech Week.

L’incontro, che ho avuto il piacere di presiedere in veste di “moderatore-sollecitatore”, ha visto il supporto dell’Accademia dei Georgofili (dove si è anche svolto fisicamente), dell’Enea e di Agriventure (società del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al settore agroalimentare, agroindustriale e agroenergetico).

E’ stato chiaramente messo in chiaro il contributo che le biotecnologie danno - o possono dare - alla filiera agroalimentare anche nel nostro Paese, benefici che possono essere così riassunti:
- contribuiscono a mettere a punto sistemi diagnostici rapidi e precisi sulla salubrità degli alimenti;
- permettono di caratterizzare le produzioni in termini di provenienza ed autenticità;
- sono in grado di accelerare i progressi dell’attività di breeding;
- proteggono le piante da alcuni importanti parassiti;
- migliorano il profilo nutrizionale degli alimenti;
- riducono gli input energetici nelle attività agricole;
- permettono di praticare tecniche conservative e sostenibili;
- consentono di coltivare piante Gm e convenzionali in regime di coesistenza per sfamare un pianeta sempre più esigente in generi alimentari.

L’agricoltura si troverà ad affrontare crescenti sfide  negli anni a venire: in primo luogo far fronte alle crescenti esigenze alimentari della popolazione mondiale e nel contempo garantire qualità e salubrità delle produzioni contrastando gli effetti dei cambiamenti climatici.
Sarà necessario produrre con una disponibilità limitata di terreni coltivabili, affrontare la sfida dell’erosione del suolo, fare i conti con una limitata disponibilità di risorse idriche, difendere la biodiversità, contribuire allo sviluppo delle comunità rurali ed assicurare la sostenibilità delle produzioni che vorrà dire produrre di più con meno.

Questi scenari hanno portato la sfida della produttività del settore agricolo ai primi posti dell’agenda politica dei governi ed oggi, sia i paesi sviluppati che quelli in via di sviluppo, hanno la necessità di incrementare produttività e sicurezza di approvvigionamento, minimizzando nel contempo gli impatti sull’ambiente.

Secondo Gianluca Fusco di Assobiotec “è necessario fornire, specialmente da parte degli organismi pubblici, un’informazione corretta ed equilibrata, senza allarmismi ingiustificati. È il momento di porre le basi per un progresso reale, basato su evidenze scientifiche, che possa consentire alla nostra agricoltura di accedere e sfruttare a pieno il beneficio delle biotecnologie”.

Su AgroNotizie le relazioni presentate all’incontro.

Le relazioni

Saluti di benvenuto
Nuove frontiere per la genetica e l’agricoltura:?le biotecnologie vegetali in italia
Gianluca Fusco, Assobiotec - Maurizio Marson, Agriventure S.p.A.

Il ruolo dell'innovazione nell'agricoltura italiana
Mario Guidi, Confagricoltura

Cambiamenti climatici, inondazioni, agricoltura: nuove scoperte scientifiche ed applicazioni biotecnologiche
Pierdomenico Perata, Scuola Superiore Sant’Anna - Accademia dei Georgofili

La ricerca sementiera italiana tra tipicità e innovazione
Paolo Marchesini, Assosementi

La ricerca biotecnologica italiana: storia, occasioni, prospettive
Alessandro Vitale, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Le biotecnologie in agricoltura tra ricerca e coesistenza
Elisabetta Lupotto, Consiglio per la ricerca sperimentale in agricoltura

Il biotech in campo: la testimonianza di Futuragra
Silvano Dalla Libera, Futuragra

Biofarmaci verdi
Eugenio Benvenuto, ENEA

Genomica e "New breeding techniques"
Mario Enrico Pè, Scuola Superiore Sant'Anna

Leggende e realtà: agricoltura e cibo quotidiano
Dario Bressanini, Università dell’Insubria

Conclusioni e ringraziamenti
Gianluca Fusco, Assobiotec

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: ogm convegni sicurezza alimentare sostenibilità biotecnologie georgofili