Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Avviso ai naviganti n° 29: cinque date decisive per i prodotti fitosanitari

Normativa europea

Chi segue le vicende del glifosate dovrà segnarsi la data di lunedì 27 novembre: alle 14:30 si terrà a Bruxelles la riunione del Comitato di appello (Appeal Committee) che dovrà votare la proposta di rinnovo dell’approvazione dell’erbicida più discusso del pianeta.
Questa è probabilmente l’ultima chiamata prima della scadenza di venerdì 15 dicembre: riuscirà la Commissione a portare dalla propria parte i cinque paesi (Bulgaria, Germania, Polonia, Portogallo e Romania) che nell’ultima riunione dello Scopaff del 9 novembre si erano astenuti? Sarà addirittura in grado di compiere il miracolo di far cambiare completamente idea a qualcuno dei nove contrari (Belgio, Francia, Grecia, Croazia, Italia, Cipro, Lussemburgo, Malta e Austria)?

A partire dalla sua costituzione, avvenuta nel 2011, il Comitato di appello sui prodotti fitosanitari si è riunito otto volte (la prossima riunione sarà quindi la nona) e ha votato 12 proposte. La maggioranza qualificata è stata raggiunta solo in due casi e su di una questione tutto sommato marginale, come può essere il rinvio di qualche mese della revoca dei prodotti fitosanitari a base di sostanze attive “non approvate” (nello specifico cloropicrina e asulam).
Anche se i risultati delle passate votazioni hanno solo un valore storico, la riunione non viene convocata sotto i migliori auspici: a favore del raggiungimento di una maggioranza qualificata riusciamo a trovare solo una coincidenza cabalistica (tredicesima votazione), un proverbio (dopo due maggioranze, non c’è due senza tre) e un riferimento musicale (nona riunione). Un po’ poco! Se verrà confermata la tendenza e per l’undicesima volta il Comitato di appello non deciderà (“No opinion”), il pallino (o meglio: la patata bollente) tornerà alla Commissione che a quel punto potrà tentare di modificare per l’ennesima volta la sua proposta, ma non ci sarebbero i tempi, o fidarsi completamente della valutazione dei suoi organi tecnici (Efsa ed Echa) e attuarla ugualmente.

Leggendo attentamente l’atto che disciplina la “Comitatologia” (Comitology), il regolamento 182/2011, la commissione potrebbe anche semplicemente non adottare il provvedimento e lasciare che il tempo faccia il suo corso, lasciando scadere l’approvazione della sostanza attiva. Ma è presto per dirlo.

Chi è interessato alla vendita e all’utilizzo dei prodotti fitosanitari a base di Iprodione dovrà annotarsi la data del 5 marzo 2018, termine ultimo entro il quale le autorizzazioni di questi mezzi tecnici dovranno essere revocate in tutti i paesi della Ue e soprattutto il 5 giugno 2018, scadenza limite del periodo di tolleranza concesso dall’articolo 46 del regolamento 1107/2009 che regolamenta il settore dei prodotti fitosanitari nella Ue.
E’ stato infatti pubblicato sulla gazzetta Ue il regolamento 2017-2091 che ha ufficializzato il mancato rinnovo della sostanza attiva Iprodione, come risultato della votazione tenutasi nella riunione del 5-6 ottobre scorso. La valutazione della documentazione presentata dai notificanti ha infatti evidenziato criticità di carattere ambientale e tossicologico tali da sconsigliare il rinnovo dell’approvazione.
Le problematiche citate nel regolamento riguardano le falde sotterranee (potenziale superamento della soglia di 0,1 µg/L da parte di alcuni metaboliti rilevanti), gli organismi acquatici (elevato rischio a lungo termine), la presenza di una sostanza (impurezza e metabolita al tempo stesso) di cui non si può escludere la genotossicità e la classificazione del principio attivo, cancerogeno e tossico per la riproduzione.

Per la conferma definitiva delle tempistiche è comunque necessario aspettare il formalismo del comunicato ufficiale del ministero della Salute, che normalmente esce qualche settimana dopo il regolamento cui si riferisce.
 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy