Agricoltura in lieve ripresa nel primo trimestre 2010

Dalle stime diffuse da Ismea si evince una crescita del 2% della produzione agricola e del 2,5% del valore aggiunto

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

frutta e verdura-bancarella-200.jpg

Produzione agricola e valore aggiunto in recupero nel I trimestre 2010: è quanto emerge dalle stime Ismea contenute nell'ultimo numero di Tendenze, il trimestrale di analisi e previsioni dell'agroalimentare.

I due indicatori, elaborati in base ai dati espressi in termini reali, destagionalizzati e corretti per i giorni lavorativi segnerebbero, infatti, una crescita rispettivamente del 2% e del 2,5% rispetto al trimestre precedente. Questi risultati derivano dalle prime indicazioni disponibili sull'andamento delle semine dei cereali invernali, mentre per la zootecnia, lo scenario appare nel complesso stabile.

Sul fronte dei prezzi agricoli Ismea rileva una sostanziale stabilità rispetto al quarto trimestre 2009 (+0,3%), pressochè analoga a quella registrata dai costi dei mezzi di produzione (+0,5%). Il confronto con il primo trimestre del 2009 rivela ancora una volta una flessione significativa dei prezzi (-7%) a fronte di una meno marcata dei costi. La redditività degli agricoltori, misurata in funzione dell'andamento della ragione di scambio (rapporto prezzi alla produzione - prezzi dei fattori produttivi) continua, pertanto, a viaggiare su livelli molto inferiori rispetto a due anni fa, anche se, precisa Ismea, il confronto con il 2008 risente dei rialzi record dei prezzi che hanno interessato alcuni prodotti i primi mesi dell'anno.  

Tornando al primo trimestre 2010 i ribassi maggiori dei prezzi, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, hanno interessato frumento, ortaggi, frutta fresca, vino e, in misura inferiore, carne bovina, confermando, fatta eccezione per gli ortaggi, la dinamica negativa emersa nel 2009.

Risultano in aumento, sempre a livello tendenziale, le quotazioni di carne suina, latte e derivati e olio di oliva, dopo un 2009, comunque, penalizzante dal lato della remunerazione dei prodotti. intanto sul fronte dell'industria agroalimentare, l'indice ismea del clima di fiducia registra un recupero sia su base congiunturale, sia, soprattutto, tendenziale, dinamica, quest'ultima, da attribuire prevalentemente alla ripresa delle attese di produzione degli operatori. analogo riscontro dal clima di fiducia della gda, migliorato sia rispetto al trimestre precedente sia su base annua, in ragione soprattutto del forte aumento delle aspettative sulle vendite.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.702 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner