Effetto "superverde" e contenimento fumonisine, prove in campo

[Video] Quilt® Xcel e Ampligo, soluzioni Syngenta "sotto i riflettori" al Mais Expert Campus 2015

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

mais-expert-campus-2015-collage-foto-byagncs.jpg

Un collage fotografico relativo alla tappa di Morsano al Tagliamento - Friuli Venezia Giulia - di Mais Expert Campus 2015

"Da questa annata i produttori hanno a disposizione un nuovo prodotto: Quilt® Xcel".
È Pietro Bianchi, field crop expert mais di Syngenta, a presentare le novità del catalogo agrofarmaci. "Fungicida composto da due principi attivi: azoxystrobin (della famiglia delle strobilurine, ndr) e propiconazolo. Agisce sulle principali malattie fungine del mais - la più importante nei nostri territori è Elmintosporiosi - ed ha un effetto benefico sulla fisiologia del mais: in effetti la strobilurina agisce su più livelli riducendo i fattori di stress che possono influire sulla produzione. Difatti il mais trattato con Quilt® Xcel si mantiene più verde e quindi in grado di accumulare più fotosintati, più amidi, ed incrementare la produzioni fino al 10%".

Il formulato contribuisce a migliorare la capacità di regolare la traspirazione grazie all’aumento dell’efficienza degli stomi, che sono come dei pori posti sulla superficie fogliare che hanno la funzione di regolare, di gestire al meglio l’acqua contenuta nella pianta: in condizioni difficili questi pori si mantengono chiusi per evitare di sprecare le riserve di acqua nella pianta e nel terreno con rischio di portare la coltura alla morte; in condizioni di disponibilità ottimale, questi pori si aprono e favoriscono la traspirazione. In questo modo la pianta richiama dal terreno più acqua e con essa più nutrienti, dinamizzando così le sue funzioni vitali tra cui la fotosintesi (già resa più efficiente dall'effetto "superverde") e l’accumulo di sostanza secca (spiga e parte verde).

L'aumento di produzione rilevato da prove effettuate su un periodo di 6 anni dal dipartimento di Scienze agrarie, forestali e alimentari dell'Università di Torino che ha anche reso pubblici i risultati di questa sperimentazione (scarica online il documento).


Per il controllo della Piralide del mais, la soluzione proposta da Syngenta è Ampligo (in attesa dell’estensione dell’etichetta al controllo della Diabrotica). Due i principi attivi
• la lambda-cialotrina presenta ampio spettro di azione e forte potere abbattente;
chlorantraniliprole, molecola di ultima generazione dotata di azione ovicida e larvicida, agisce sia per ingestione che per contatto; ha un’alta efficacia e persistenza ed è in grado di  colpire le larve anche nella prima  fase di penetrazione all’interno della pianta.

La formulazione Zeon esclusiva di Syngenta si presenta con microcapsule 10 volte più piccole di quelle dei formulati normalmente in commercio consentendo così una copertura omogenea delle superfici trattate, un'elevata adesione sia alla pianta che all’insetto e un rapido rilascio della sostanza attiva (meno di un'ora). Apposite sostanze fotostabilizzanti riducono il processo di degradazione della sostanza attiva a seguito dell’esposizione ai raggi ultravioletti migliorando la persistenza di azione del prodotto. Fra i benefici di Ampligo, oltre alla massimizzazione delle rese, la prevenzione della formazione di fumonisine che vengono prodotte da attacchi fungini a seguito dei danni sulla pianta causati dalla piralide.

Guarda tutti i video di Mais Expert Campus per ulteriori approfondimenti.

Fotogallery