Arriva in Puglia il progetto 'Coltiva il tuo futuro'

Agrofarma, Confagricoltura e 3M insieme per promuovere il corretto utilizzo degli agrofarmaci

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

distribuzione agrofarmaci.JPG

Il corretto utilizzo degli agrofarmaci è indispensabile per la sicurezza dell'operatore e dell'ambiente

Si è tenuto questa mattina a Brindisi il primo dei cinque incontri che Agrofarma (Associazione nazionale imprese agrofarmaci che fa parte di Federchimica), Confagricoltura e 3M hanno organizzato in Puglia per promuovere la formazione degli operatori agricoli sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e sull'uso sostenibile degli agrofarmaci. Gli altri incontri si terranno a Lecce (16 marzo), Bari (22 marzo) e Foggia (23-24 marzo).

Si tratta di un'iniziativa nell'ambito del progetto 'Coltiva il tuo futuro' che Agrofarma, Confagricoltura e 3M stanno portando avanti su tutto il territorio nazionale per favorire, attraverso opportuni corsi di formazione, la conoscenza delle corrette pratiche relative all'utilizzo degli agrofarmaci e dei dispositivi di protezione individuale. Un impiego appropriato di questi fondamentali supporti tecnici rappresenta, infatti, un elemento indispensabile per garantire la sicurezza all'operatore agricolo.

L'iniziativa s'inserisce nelle attività che le tre organizzazioni stanno sviluppando per supportare il settore agricolo nell'attuazione della strategia sull'uso sostenibile prevista dalla direttiva 2009/128/CE e per fornire risposte puntuali alle novità introdotte dal D.lgs. 81/08 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. In relazione a quest'ultimo aspetto occorre sottolineare che l'obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale riguarda per la prima volta anche i lavoratori autonomi, i componenti dell'impresa familiare di cui all'articolo 230-bis del codice civile, i coltivatori diretti del fondo.

"La Puglia vanta da sempre una grande tradizione in campo agroalimentare e l'agricoltura, in particolare, rappresenta un settore trainante per lo sviluppo economico della regione – dichiara Marco Rosso, direttore di Agrofarma – Agrofarma è impegnata da molti anni sul territorio per favorire la formazione degli operatori della filiera. Il progetto 'Coltiva il tuo futuro' nasce dalla consapevolezza che al centro di un'agricoltura sostenibile e al tempo stesso tecnologicamente avanzata c'è la sicurezza per l'operatore agricolo e per l'ambiente. La collaborazione di Confagricoltura e 3M ha dato inoltre un grande valore aggiunto, consentendo di ampliare l'efficacia delle nostre attività".

"Riteniamo importante, anche in relazione alla direttiva sull'uso sostenibile degli agrofarmaci – sottolinea Donato Rotundo, direttore dell'Area Ambiente e qualità di Confagricoltura– rilanciare il tema della formazione per contribuire ulteriormente alla tutela dell'ambiente, dei consumatori e degli operatori agricoli. Il corretto impiego dei dispositivi di protezione individuale è sicuramente uno degli aspetti fondamentali per effettuare in sicurezza le operazioni agronomiche dirette alla difesa delle coltivazioni. Il progetto "Coltiva il tuo futuro", che di comune accordo stiamo coniugando sul territorio, per Confagricoltura è la prima di una serie di azioni coordinate diretta a supportare gli agricoltori nell'attuazione della strategia sull'uso sostenibile degli agrofarmaci, oltre ad essere un importante segnale di continuità nell'impegno dedicato all'applicazione delle normative in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro".

Un impiego appropriato degli agrofarmaci rappresenta un elemento indispensabile per garantire la produzione agricola italiana e le sue eccellenze, tra le quali rientrano senza dubbio anche l'olivicoltura e la viticoltura pugliese. Gli agrofarmaci proteggono i raccolti dai parassiti e dagli agenti patogeni come i farmaci agiscono sull'organismo umano, salvaguardando in questo modo la salute della pianta e, di conseguenza, quella dell'uomo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.884 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner