Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Gps, c'è ancora molto da fare

Meno del 5% dei trattori venduti in Italia è a guida satellitare. Negli Usa il 60% delle aziende ha questi sistemi. Quanto sono diffuse le innovazioni tecnologiche nelle nostre campagne? Leggi l'intervista a Luigi Sartori, professore dell'Università di Padova

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

agricoltura-lavoro-agricolo-agricoltore-trattore-macchine-agricole-contoterzismo-agromeccanici-campo-campi-by-antbphotos-fotolia-750x500.jpg

Meno del 5% dei trattori venduti è a guida Gps
Fonte foto: © antbphotos - Fotolia

Droni, sensori in campo, trattori a guida Gps e big data. Il futuro dell'agricoltura passa dai sistemi di precisione che promettono di aumentare le rese e la qualità delle derrate abbattendo i costi e salvaguardando l'ambiente.
Gli Stati Uniti e il Canada sono all'avanguardia sotto questo punto di vista, ma in Italia, al di là dei discorsi fatti nelle sale convegni, quanto è 'precisa' la nostra agricoltura?

"Lo è ancora poco, basta guardare i dati sulla diffusione dei trattori a guida Gps, lo strumento essenziale per chi vuole iniziare a fare agricoltura di precisione", spiega ad AgroNotizie Luigi Sartori, professore di meccanica agraria all'Università degli studi di Padova.
"Negli Stati Uniti la quasi totalità dei trattori venduti è a guida Gps e oltre il 60% delle aziende agricole è dotata di questi sistemi. In Italia non esiste un dato certo, ma possiamo dire che meno del 5% dei trattori venduti ha una guida satellitare, anche se il trend è in crescita".

Il parco macchine è obsoleto e girando per le campagne è più facile vedere un vecchio trattore piuttosto che uno spandiconcime a rateo variabile, una mietitrebbia con mappatura della produzione, una irroratrice di precisione o addirittura un drone. Sono però i sistemi di cui avrebbe bisogno la nostra agricoltura per essere più competitiva.

Sul mercato italiano ci sono tutte o quasi le innovazioni tecnologiche presenti in Canada o negli Stati Uniti. Ma le aziende agricole stentano ad innovarsi. Come mai? "Ci sono diverse ragioni. Prima di tutte economiche", spiega Sartori.
"Il rendimento di molte colture, soprattutto cerealicole, è calato e sono in pochi a poter affrontare una spesa per una nuova macchina".

C'è poi una questione generazionale. La media dei nostri agricoltori è alta e passare dal volante ad un plotter non è una cosa semplice. "L'informatizzazione delle aziende è bassa e molti agricoltori pensano che questi sistemi siano solo una perdita di tempo, un problema in più a cui pensare invece che una soluzione".

Una cosa è certa, il passaparola è il metodo con cui in Italia le innovazioni si diffondono in campagna. Quando una novità porta risparmi tangibili, allora è più facile che sia adottata.
"Il trend della vendita di trattori a guida Gps è positivo, questo significa che c'è interesse da parte del pubblico. D'altronde sono sistemi che fanno risparmiare: si va più veloci, si evitano sovrapposizioni e si risparmia tempo, gasolio e agrofarmaci".

Un dato interessante riguarda la potenza media delle macchine vendute in Italia che negli anni Sessanta era intorno ai 35 cavalli, è arrivata ai 70 negli anni Novanta per poi toccare i 100 nel 2014.
Al contempo però il numero delle vendite è calato costantemente dal 2000 ad oggi. "Dovremmo passare dalla potenza alla precisione, adottando trattori più consoni alle nostre estensioni. Da questo punto di vita i Psr hanno quasi tutti delle agevolazioni per l'acquisto di macchine per l'agricoltura di precisione".

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Belchim Crop Protection Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy