Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Diserbo integrato, Veneto Agricoltura è partner del progetto Iwmpraise

L'obiettivo del progetto è quello di ridurre al minimo l’utilizzo di mezzi chimici per avere sistemi colturali più sostenibili, mantenendo la redditività delle imprese

campo-mais-agricoltura-paesaggio-campi-by-smileus-fotolia-750.jpeg

Iwmpraise è il progetto europeo sulla gestione integrata del diserbo
Fonte foto: © Smileus - Fotolia

Un budget complessivo di quasi 7 milioni di euro, 5 anni di sviluppo, 41 partner provenienti da 8 paesi europei (Danimarca, Paesi Bassi, Regno Unito, Italia, Francia, Spagna, Slovenia e Svizzera), comprendendo Università/enti di ricerca, Pmi e industrie, servizi di consulenza, enti e utilizzatori finali. Questi i numeri del nuovo progetto europeo “Iwmpraise, Integrated weed management: practical implementation and solutions for Europe” (in italiano “Gestione integrata del diserbo: implementazione pratica e soluzioni per l’Europa”) iniziato lo scorso mese di giugno che vede Veneto Agricoltura tra i partner. Il progetto è finanziato dal Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione (Horizon 2020) che vede come capofila l’Università danese di Aarhus.

Molto è stato fatto in questi anni per sviluppare e adottare tecniche di difesa integrata, cioè di difesa delle colture dalle diverse avversità (malattie fungine, insetti ed altro) utilizzando al minimo i prodotti chimici, privilegiando gli interventi preventivi e le tecniche biologiche. Si sono così definiti le metodologie di “Ipm, Integrated pest management”. Ora, con il progetto Iwmpraise si vuole adottare lo stesso approccio per il diserbo e il controllo delle malerbe: ridurre al minimo l’utilizzo di mezzi chimici per aumentare la sostenibilità dei sistemi colturali rendendoli più resilienti al cambiamento climatico e alle condizioni meteorologiche senza compromettere la redditività delle imprese e la produzione di derrate alimentari.

In particolare il progetto persegue i seguenti obiettivi:

• definire un pacchetto di misure alternative e integrate di controllo delle malerbe e ottimizzarne l’efficacia e l’applicabilità rispetto a quattro tipologie colturali: colture annuali seminate a righe strette (come il frumento), colture erbacee seminate a righe larghe (come il mais), colture erbacee perenni (come prati e pascoli), colture arboree perenni (come frutteti e vigneti);
• valutare gli impatti economici e ambientali delle strategie di diserbo individuate;
• favorire la loro adozione in tutti i paesi dell’Unione, attraverso una articolata azione divulgativa.

Veneto Agricoltura è parte del cluster italiano (insieme a altri 7 partner italiani tra cui Cnr, Università di Pisa e industrie agromeccaniche) che seguirà il progetto a livello nazionale. A Veneto Agricoltura, in ragione  dell’esperienza maturata con le attività sperimentali sviluppate all'Azienda dimostrativa a Vallevecchia di Caorle (Ve) e più in generale nelle metodologie divulgative, è stato assegnato il compito di seguire le tecniche di diserbo in maiscoltura e più in generale le diverse attività dimostrative del progetto.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 15 febbraio a 136.315 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy