Sfalci e potature: ok all'utilizzo per produrre energia rinnovabile

Il ministero dell'Ambiente ha dato il via libera all'uso dei residui del verde urbano, purché siano costituiti da sostanze naturali non pericolose e reimpiegati nel medesimo ciclo produttivo

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

sfalci-verde-urbano-fonte-ministero-ambiente.jpg
Si potrà usare il materiale derivante dalla manutenzione del verde urbano per produrre energia rinnovabile. Il via libera è arrivato dal ministero dell’Ambiente classificando i residui al di fuori della normativa in materia di rifiuti, qualora rientrino nell’ambito dei criteri stabiliti per i sottoprodotti. Il parere formulato dalla Direzione generale per i Rifiuti e l’inquinamento è stato pubblicato sul sito del ministero.

Il codice ambientale - si legge nella nota di chiarimento indirizzata alla Federazione italiana produttori di energia da fonti rinnovabili, Fiper - esclude espressamente dal campo di applicazione della normativa in materia di rifiuti, tra i diversi materiali indicati, gli sfalci e i residui di potatura prodotti nell’ambito di un’attività agricola, quando impiegati in agricoltura o per la produzione di energia, a condizione che l’impiego non determini rischi o danni per l’ambiente e per la salute. Se, quindi, sulla base della normativa previgente era necessario dimostrare la presenza di un’altra normativa, anche nazionale, che disciplinasse la gestione delle sostanze e dei materiali indicati dalla norma, ora, al fine di escludere dal campo di applicazione della normativa in materia di rifiuti uno dei materiali in oggetto di analisi, è sufficiente dimostrare che i residui provengano da un’attività agricola sono costituiti da sostanze naturali non pericolose e sono reimpiegati nel medesimo ciclo produttivo e o in un altro, agricolo o energetico, assicurando il rispetto delle norme di settore”.

Il sottosegretario all’Ambiente, Silvia Velo ha commentato così la notizia: “Con un atto amministrativo abbiamo finalmente fatto chiarezza su una questione che, in questi anni, ha creato non poche difficoltà alle amministrazioni locali e a diverse associazioni di settore. Si tratta di un chiarimento importante che mette ordine a una materia delicata e che porterà da una parte, un beneficio economico per i Comuni non indifferente, e dall’altra a un’ulteriore crescita delle energie rinnovabili attraverso il riutilizzo dei residui che da rifiuto diventeranno una risorsa”.

 Per leggere il parere della Direzione generale per i Rifiuti e l’inquinamento clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.368 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner