Il cetriolo (Cucumis sativus) è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle Curcubitaceae ed è originario dell'Asia. Da questa pianta nascono i cetrioli, vegetali perfetti per la stagione estiva: pochissime calorie, tante vitamine e tanti sali minerali. Ma il cetriolo è ottimo anche in altri periodi, consumando un eccellente prodotto coltivato in serra negli areali del Sud Italia. Un mix di micronutrienti perfetto per "tirarci su". I valori nutrizionali della foto di copertina sono tratti da Crea - AlimentiNutrizione.

 

Proprietà nutrizionali e nutraceutica

Il cetriolo ha quindi pochissime calorie - solamente 16 per 100 grammi - ed è ricchissimo di acqua: aiuta a mantenere un buono stato d'idratazione del nostro organismo. Contiene potassio, il minerale che equilibra la pressione sanguigna, e ha ottime quantità di vitamina C. Il mix di potassio, vitamina C, beta carotene (precursore della vitamina A) e vitamina K contenuti in questo alimento aiutano l'attività del microcircolo e del sistema venoso. Quindi uno o due porzioni di questo alimento ci aiuteranno ad "allegerire" la sensazione di pesantezza agli arti inferiori, frequente con il grande caldo. La vitamina K, di cui il cetriolo è abbastanza ricco, aiuta anche la salute delle ossa. Nonostante il ricchissimo contenuto di acqua il cetriolo presenta una buona quantità di fibra, importante per le nostre funzioni intestinali.

I cetrioli contengono composti polifenoli chiamati lignani (pinoresinolo, lariciresinolo e secoisolariciresinolo), che possono contribuire a ridurre il rischio di carcinoma alla mammella, alle ovaie e alla prostata e contengono anche fitonutrienti, chiamati cucurbitacine, con proprietà antitumorali. Ma gli studi finora sono stati condotti solo su modelli in vitro (cellulari) o animali o su modelli animali.

 

Vitamine
e minerali
Quantità
per porzione
Copertura fabbisogno
giornaliero*
Vitamina C 44 mg

51,8% per le donne

41,9% per gli uomini

Vitamina A 43,2 mcg retinolo equivalenti

7,2% per le donne

6,2% per gli uomini

Folati 28 mcg 7,0%
Vitamina K 14,4 mcg 10,3%
Potassio 280 mg 7,2%
Fosforo 34 mg

4,8%

Calcio 32 mg

3,2%

Sodio 26 mg

1,7%

*Il dato del fabbisogno giornaliero è riferito a un adulto, rispetto al consumo di una porzione (200 grammi)
Fonti dati e tabella soprastante: Mipaaf, Crea - AlimentiNutrizione, National Library of Medicine - Pubmed
 

Scegliere, conservare e consumare

Nella scelta dei cetrioli, evitate quelli con macchie gialle, che si sviluppano quando il cetriolo rimane per troppo tempo attaccato alla pianta e preferite quelli più piccoli rispetto a quelli più grandi (che sono meno croccanti e contengono più semi). I cetrioli dovrebbero essere sodi e uniformi per tutta la loro lunghezza.
Evitate di comperare quelli dalla superficie rugosa perché sono stati conservati per troppo tempo a una temperatura più alta rispetto a quella ottimale, con conseguente perdita di acqua. I cetrioli sono composti per il 95% da acqua e quindi una cattiva conservazione rischia di far perdere loro freschezza rapidamente. Potete conservare i cetrioli in un luogo fresco a temperatura ambiente per 2-3 giorni se la stagione non è molto calda. In frigorifero anche per più di una settimana. I cetrioli sono sensibili al gas etilene, rilasciato dalla maturazione della frutta e alcuni tipi di verdura: per una conservazione più lunga, evitate di tenerli vicino a meloni, pomodori o banane.
 
Oggi abbiamo a disposizione molte varietà di cetrioli, alcune rare ma che presto entreranno più frequentemente nei nostri mercati. Vediamo queste "rarità":

 

  • I cetrioli inglesi: lunghi e di colore verde scuro, dalla buccia sottile e dal sapore delicato. Sono senza semi al momento della raccolta; sono i più costosi sul mercato perché vengono spesso coltivati in serra;
  • I cetrioli armeni: detti anche "cetrioli serpente" per la loro forma allungata e ondulata e la buccia striata. Hanno un colore variegato, dalle tonalità verde scuro a verde chiaro fino al verde giallastro. hanno una consistenza croccante e i semi sono sottili;
  • I cetrioli Kirby: corti e dalla forma irregolare, il colore della buccia vira dal giallo al verde scuro. Sono molto croccanti e saporiti, e vengono spesso usati per la conservazione sottaceto;
  • I cetriolini: molto piccoli e adatti alla marinatura, sono molto popolari in Francia, dove i cetriolini sottaceto (cornichons) vengono consumati come accompagnamento per il paté;
  • I cetrioli persiani: simili ai cetrioli inglesi, ma con diverse lunghezze. Alcuni sono più corti, altri più lunghi e alcuni con la buccia irregolare, che ricorda la varietà Kirby;
  • I cetrioli limone: dal colore giallo e dalla forma rotonda, hanno un sapore dolce e non un retrogusto amaro come alcune varietà, una buccia molto sottile e semi piccoli e morbidi.
Il cetriolo è una orticola nutriente e versatile, un ottimo toccasana per la salute: guarda tutte le varietà su Plantgest®
Il cetriolo è una orticola nutriente e versatile, un ottimo toccasana per la salute: guarda tutte le varietà su Plantgest® 
(Fonte foto: Sweetaholic - Pixabay)
 

Suggerimenti per il consumo

I cetrioli inglesi e persiani sono ottimi da servire a fette e con la buccia, accompagnati da una salsa allo yogurt e per arricchire le insalate. Grazie alla loro croccantezza sono adatti anche alla cottura, saltati in padella con erbe aromatiche tritate saranno un contorno delicato in abbinamento ad un buon piatto di pesce. I cetrioli al limone e i Kirby sono perfetti da consumare in salamoia.

 

 

La Nostra Ricetta

Un estratto per migliorare la circolazione sanguigna, perfetto per le giornate più calde dell'estate

 

Dosi per 1 persona
2 cetrioli di medie dimensioni
2 carote
1 barbabietola cotta
1 costa di sedano
Qualche goccia di limone (a piacere) o pezzetti di zenzero

 

Preparazione
Mondate bene tutti gli ingredienti e inseriteli in un estrattore o in una centrifuga. Aggiungete dei bei cubetti di ghiaccio e qualche foglia di menta.

 

Valori nutrizionali per 1 porzione
Proteine 4,7 g
Lipidi 1,4 g
Carboidrati 22,8 g
Fibra totale 10,4 g
Energia 123 Kcal

 

 

Cetriolo-Cetrioli--Infografica-denominazione-produzioni-QDC-ByAgroNotizie-TellyFood-1200x800.jpeg

Elaborazione statistica basata su dati di QdC® - Quaderno di Campagna®, che gestisce in Italia 186 ettari di cetrioli
(Fonte foto: Image Line®)

 

Rimedi fitoterapici

La polpa e il succo di cetriolo vengono utilizzati in cosmetica per nutrire la pelle, hanno un effetto lenitivo contro le irritazioni cutanee e donano sollievo istantaneo per le scottature solari. L'applicazione locale aiuta a ridurre il gonfiore degli occhi, grazie alla presenza di acido ascorbico e caffeico, che riducono il tasso di ritenzione idrica. I semi sono inoltre utilizzati per prevenire la stitichezza.

 

Curiosità

Il cetriolo è originario dell'India ed è stato addomesticato in Asia circa 3.000 anni fa. Viene coltivato in tutto il mondo e la sua produzione globale è stata di 80,6 milioni di tonnellate nel 2016 (Faostat), con la Cina primo produttore, seguita dalla Turchia e dall'Iran. In Cina esistono varietà di cetrioli coltivati prevalentemente in due diverse aree geografiche: varietà con spine e creste fitte, di colore verde scuro, nella Cina settentrionale e cetrioli con spine e creste sparse, di colore verde chiaro, nella Cina meridionale.


Plantgest® è un marchio registrato da Image Line Srl Unipersonale

QdC® e Quaderno di Campagna® sono marchi registrati da Image Line Srl Unipersonale

 

Bibliografia

Mipaaf - Sai quel che mangi, qualità e benessere a tavola.

National Library of Medicine - Pubmed.
Crea - AlimentiNutrizione.
Guide to cultivated plant di ATG Elzebroek and K Wind, 2008.


La frutta e la verdura italiane rappresentano un elemento fondamentale della nostra cultura e di una dieta sana e sostenibile. La dieta mediterranea è uno stile alimentare che si basa proprio sul consumo prevalente di alimenti di origine vegetale. Quali sono gli aspetti nutrizionali e nutraceutici di questi prodotti? Come sceglierli, conservarli e consumarli? Queste sono solo alcune delle cose che potrete trovare nella rubrica "Ciboteca italiana, tutto quello che volete sapere sui prodotti ortofrutticoli made in Italy" realizzata da Image Line in collaborazione con Stefania Ruggeri (leggi la sua biografia): nutrizionista, docente universitaria, ricercatrice del Crea con diversi incarichi istituzionali nazionali e internazionali, scrittrice e divulgatrice. Ciboteca italiana si lega a TellyFood, nuovo progetto di Image Line che vuole raccontare la storia dei prodotti ortofrutticoli dal campo alla tavola. Uno strumento semplice, con due grandi obiettivi: premiare la qualità dei prodotti agroalimentari italiani e rendere la lista della spesa più trasparente, sicura, sostenibile, utile e in linea con le proprie passioni e i propri aspetti etici
Questo articolo fa parte delle collezioni: