Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Giovani, la nuova frontiera è la montagna

I luoghi sopra i 400 metri, coperti sempre più da boschi non utilizzati, possono offrire nuove opportunità

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

montagna-montagne-agricoltura-montana-sudtirolo-by-pixssell-fotolia-750.jpeg

Circa 100mila giovani lo scorso anno sono andati all'estero
Fonte foto: © pixs:sell - Fotolia

Ogni tanto ci piace ricordare la collina e la montagna. Non per un malinconico ricordo dell'estate appena trascorsa, ma per parlare di agricoltura. Buona parte del territorio nazionale è collinare o montuoso.

L'Italia la possiamo allora considerare in due strati: uno in pianura, sovrappopolato, attivo, spesso inquinato – l'altro, quello altimetricamente superiore ai 400 metri oggi pressoché disabitato, spesso improduttivo, coperto sempre più da boschi non utilizzati. I borghi abbandonati (o quasi) in Italia sono centinaia, quasi tutti in altura. 

La collina e la montagna possono però rappresentare anche un'opportunità.
Abbiamo letto in questi giorni di un progetto promosso e finanziato da fondazione Cariplo e fondazione Edoardo Garrone: - ReStartAlp – un progetto che vede coinvolti giovani fra i 24 e i 33 anni per la creazione di startup operanti in ambiente montano.
Buona parte di questi progetti riguardano l’agricoltura o attività ad essa connesse. 

L'interesse dei giovani può essere basilare per il rilancio delle nostre colline e montagne. Anche perché case e terreni possono essere economicamente alla portata di chi vuole avviare un'attività e non ha formidabili disponibilità.
Difficile infatti pensare a un giovane con la possibilità di acquistare ex novo un terreno di pianura ai prezzi correnti (diciamo fra i 30 e i 40mila euro ad ettaro).
La collina e la montagna potrebbero allora diventare una nuova frontiera interna, da ricolonizzare.

Certo vi è la necessità di infrastrutture – che oggi magari non sono più le strade ma le connessioni internet a rete veloce. Occorre che le istituzioni e il sistema finanziario credano in un rilancio dei territori più impervi.

Territori che possono produrre eccellenze con sistemi agricoli e agroalimentari estremamente prosperi: nel nostro paese gli esempi certo non mancano, basta guardare in Trentino Alto Adige.

In collina e in montagna si possono produrre quei prodotti di alta qualità di cui il nostro paese ha bisogno per sfruttare il momento favorevole al cibo e ai vini made in Italy nel mondo.
In collina e in montagna si possono inoltre organizzare quelle attività di soggiorno e svago (gli inglesi direbbero 'leisure') a corto raggio che saranno nei prossimi anni sempre più richieste (per esempio dalla popolazione più anziana, ma non solo).

Per fare tutto questo servono però i giovani. Che invece che andare all'estero (pare più di 100mila lo scorso anno) potrebbero si emigrare, ma nelle nostre bellissime colline e montagne.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: giovani agricoltura in montagna

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner