Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Col caviar lime il caviale cresce sugli alberi

Il caviar lime è un frutto australiano la cui polpa è formata da vescicole, simili al caviale, piene di un succo che ricorda quello del lime. Una coltivazione che è arrivata anche in Italia, per la felicità degli chef stellati. Guarda il video

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

caviar-lime-cinquemani.png

Il caviar lime ha una quotazione di mercato che supera i 100 euro al chilo
Fonte foto: Finger Lime

In bocca ha la consistenza del caviale, ma una volta schiacciate le vescicole esce un liquido aspro, che ricorda quello del lime. E' per questo che il Citrus Australasica è chiamato 'caviar lime' o 'finger lime'. Le sue caratteristiche ne fanno un ingrediente ricercato dai grandi chef e dai barman nei locali alla moda.

Il finger lime è un agrume australiano, originario della Regione del Qeensland e commercializzato intorno al 2000. All'inizio veniva importato in Europa, ma oggi una società italiana, la FingerLime, lo ha piantato in Sicilia e Calabria.
Le piante sono in fiore e nel giro di qualche mese potremo raccogliere il primo raccolto italiano”, spiega ad AgroNotizie Andrea Sarli, di FingerLime, che ha presentato il prodotto a Seeds&Chips.

Ma qual è la particolarità di questo frutto? Il fatto è che il succo, che ha vari aromi e gradazioni di acidità a seconda della varietà, è racchiuso all'interno di vescicole.
Il liquido è contenuto nelle palline e quindi non intacca il prodotto sul quale viene applicato”, spiega Sarli. “Un crudo non viene ossidato, una insalata non si 'cuoce' e in un cocktail non né intacca le proprietà organolettiche”.

Il finger lime si è rapidamente diffuso e oggi viene usato dagli chef stellati per completare le loro creazioni. Carlo Cracco lo ha usato ad esempio per la pubblicità delle patatine San Carlo. Ma non è una pianta facile da coltivare e i frutti sono molto ricercati, così il prezzo di mercato è alto, intorno ai cento euro al chilo.

Il caviar lime ha una lunga storia. Già gli aborigeni, che lo chiamavano Gulalun, ne apprezzavano il gusto.
La prima vivaista a selezionare la pianta selvatica e ad innestarla su un arancio amaro è Judy Viola, nel 1989. Oggi sette cultivar sono registrate a suo nome.
Agli inizi del secolo partono le prime coltivazioni in Australia per poi diffondersi in tutto il mondo.

In Italia si trova solo in pochi vivai, ma la sua diffusione sta aumentando. E il Sud della Penisola si presta alla sua coltivazione che richiede condizioni simili a quelle del limone, anche se la pianta impiega molto più tempo a dare i primi frutti.

AgroNotizie è media partner di Seeds&Chips

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy