Emilia-Romagna, legame indissolubile con la campagna

Grazie all'agricoltura più rispetto dell'ambiente e sicurezza alimentare. E' la visione positiva emersa dal sondaggio Swg. E il 39% compra dal contadino

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Rabboni-assessore-emilia-romagna.jpg

Tiberio Rabboni. assessore all'Agricoltura dell'Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna il legame con la campagna non è soltanto simbolico, ma anche pratico.

Da un sondaggio sul rapporto tra gli emiliano-romagnoli e il mondo rurale, voluto dall'assessorato regionale all'Agricoltura nell'ambito dell'iniziativa Fattorie Aperte e realizzato dalla società Swg su un campione di 700 cittadini, emerge infatti che gli intervistati vedono nella campagna un luogo che trasmette valori positivi all'intera società, primo fra tutti l'attenzione all'ambiente, e sempre più persone vi si recano per acquistare direttamente dal produttore cibo genuino, di qualità e rispettoso della tradizione.

"Questo sondaggio – ha commentato a Bologna illustrando la ricerca l'assessore regionale all'Agricoltura Tiberio Rabboni – sfata una serie di luoghi comuni che dipingono la campagna come un luogo marginale e arretrato, assegnandole invece una nuova funzione sociale: quella della tutela dell'ambiente, della tradizione e del territorio. Questo sondaggio ci dice inoltre che sono tanti gli emiliano-romagnoli che vanno in campagna per acquistare direttamente dal produttore, reagendo ai rischi di una globalizzazione che sempre più ci propone prodotti indistinti e senza garanzie. Su questo elemento dobbiamo lavorare, dando sempre più valore alla filiera corta, ai prodotti tipici e di qualità. Investire sulla qualità e sulla tipicità è strategico per il mercato interno, ma anche per i mercati esteri, dove i prodotti italiani sono riconosciuti e apprezzati soprattutto per  le loro caratteristiche di forte identità e legame con il territorio".

I risultati: rispetto dell'ambiente, sicurezza alimentare e acquisti diretti
Dall'indagine emerge che gli emiliano-romagnoli hanno un rapporto molto forte con la campagna sia su un piano simbolico e immateriale, sia su un piano più funzionale.
Interrogati su quali valori può offrire il mondo agricolo alla società, ben il 66% degli intervistati risponde "il rispetto dell'ambiente" e una percentuale altrettanto rilevante del 52% il "rispetto dei tempi della natura". Allo stesso tempo ben il 60% dichiara di "acquistare direttamente dal produttore" quando si reca in campagna, con un segmento del 39% che ha fatto di questa modalità di acquisto un'abitudine significativa (una volta al mese) o addirittura regolare (tutte le settimane). L'acquisto diretto dal produttore è più frequente nella fascia d'età tra i 35 e i 54 anni e tra chi risiede nelle province di Ferrara e in quelle romagnole. Strettamente collegata a questa, è la risposta che riguarda "il ruolo primario dell'agricoltore nella società" che per il 41% è quello di "garantire la sicurezza alimentare ai consumatori" e per il 40% di "custodire la tradizione alimentare emiliano-romagnola". Secondo il 31% inoltre l'agricoltore "tutela l'ambiente da inquinamento e dissesto idrogeologico". Significativo anche il dato del 51% relativo a chi dichiara di "acquistare spesso prodotti tipici", percentuale che sale al 69% nella fascia d'età tra i 45 e i 54 anni. Il 60% di acquista prodotti tipici lo fa "rivolgendosi alla grande distribuzione", ma ben il 42% – ancora una volta – compra "direttamente dal produttore". Il 37% degli intervistati è disposto a pagare anche un 5% in più per aver garantita tipicità e tradizione, una percentuale ancora abbastanza elevata – nonostante la crisi economica – anche rispetto al dato del 7% registrato nel 2007.

 

Un desiderio di campagna

Città e campagna appaiono in Emilia-Romagna due realtà spesso comunicanti. Il 41% degli intervistati (in particolare chi vive nei piccoli centri con meno di 10 mila abitanti) dichiara di "vivere in campagna", e il 64% di chi vive in città afferma di "recarsi in campagna spesso" (almeno una volta al mese) o "sempre" (almeno una volta la settimana). Il 56% lo fa per "stare a contatto con la natura", il 53% invece per l' "esigenza di rilassarsi" e il 36% per soddisfare l'esigenza di "gustare prodotti genuini". Tra le attività che vengono svolte in campagna, l' "acquisto diretto dal produttore" (60%) stacca decisamente tutte le altre, seguito da il "soggiorno in un agriturismo" per il 37% e per un terzo degli intervistati (30%) dalla "coltivazione di un pezzo di terra". La vacanza in agriturismo interessa soprattutto chi ha tra i 25 e i 44 anni, un livello alto di istruzione, figli piccoli e risiede in città. L'acquisto in azienda, la vacanza in agriturismo e la coltivazione di un proprio orto si confermano ai primi posti anche tra i 'desideri' degli emiliano-romagnoli, con in più un 35% degli intervistati che alla domanda "Cosa le piacerebbe fare in campagna?" risponde addirittura "viverci".

 

 Nella tabella i dati Swg relativi agli acquisti diretti nelle aziende agricole

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.629 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner