I moscerini della frutta sotto la lente

Come il clima e il territorio modificano le popolazioni delle drosofile da un punto di vista genomico. Questo al centro del meeting annuale di DrosEu che si terrà presso la Fondazione Edmund Mach il 7 e 8 maggio 2018

drosophila-suzukii-fonte-fem.jpg

Il gruppo di lavoro è rappresentativo del più ampio consorzio che unisce 28 paesi europei e limitrofi

Trenta ricercatori provenienti da 14 diverse nazioni si riuniranno nei giorni 7 e 8 maggio alla Fondazione Edmund Mach per il meeting annuale di DrosEu, il giovane consorzio europeo che studia come clima e territorio modificano le popolazioni di moscerini della frutta (le drosofile) da un punto di vista genomico.

Il gruppo di lavoro è rappresentativo del più ampio consorzio che unisce 28 paesi europei e limitrofi e che ha messo a punto un sistema di campionamento e analisi coordinata per capire come l'ambiente e il cambiamento climatico hanno modificato e stanno tuttora modificando la struttura delle popolazioni naturali.

"Si tratta del primo esperimento di questo tipo a livello europeo - spiega Omar Rota Stabelli del Centro ricerca e innovazione - e viene svolto confrontando tra loro i genomi delle diverse popolazioni per scoprire eventi di adattamento al clima, alle altitudini e alle latitudini".

Il progetto finora è stato applicato al moscerino comune della frutta (Drosophila melanogaster), ma l'esperienza maturata verrà trasferita allo studio della Drosophila suzukii che causa danni all'agricoltura e ad altre specie invasive come la zanzara tigre e la cimice marmorata. Queste informazioni aiuteranno i ricercatori e tecnici della Fondazione a costruire modelli previsionali più efficaci per gli insetti invasivi che periodicamente invadono il Trentino e, più generale, l'Europa.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.617 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner