La passione va raccontata per creare valore

Il racconto e lo storytelling rappresentano elementi di comunicazione che permettono al consumatore di sapere e conoscere cosa c'è dietro un prodotto ortofrutticolo. Domenico Tuninetti ci racconta l'esperienza del Consorzio del Peperone di Carmagnola

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

tellyfood-intervista-racconto-agronotizie-tuninetti-consorziopeperone-750x500.jpeg

Tanti elementi propri della frutta e verdura vengono dati per scontati dal consumatore, ma se si vuole creare valore è necessario farli conoscere
Fonte foto: Agronotizie

Passione, sudore, fatica e professionalità sono elementi di un prodotto ortofrutticolo made in Italy, ma vanno raccontati al meglio per far sì che siano percepiti dal consumatore. Questo è quanto emerge dalla conversazione che abbiamo fatto con Domenico Tuninetti, presidente del Consorzio del Peperone di Carmagnola.

"Per coltivare il Peperone di Carmagnola ci vuole tanta passione e tanto lavoro, come per tutta la frutta e verdura italiana. Elementi che però il consumatore dà per scontati e che non percepisce realmente. Tutto questo riduce il valore del prodotto e lo inserisce in una logica tipica della commodity dove il prezzo è l'unico elemento che differisce un prodotto dall'altro: compro quello che costa meno o quello che è in offerta a prescindere da tutto il resto. Per uscire da questa logica del prezzo e della commodity dobbiamo far uscire questi elementi di valore e dobbiamo far sì che il prodotto assuma un peso diverso.
Raccontare quello che c'è dietro, come si arriva a quel prodotto e la qualità che esso porta è fondamentale, in modo che il consumatore ne sia cosciente. Oggi il consumatore appare abbandonato in balìa delle 'tempeste' che gli girano attorno: un prodotto non è buono perché è famoso, ma è famoso perché è buono"
.

"Negli ultimi anni c'è un target di consumatore che inizia a riconoscere alcune differenze tra prodotto e prodotto, così come ad esempio nel peperone. E questo gli permette di andarle a cercare e di individuare il valore rendendosi disponibile a pagare qualche cosa in più. Dobbiamo far diventare questa nicchia un gruppo molto più nutrito. Proprio per questo motivo dobbiamo trasferire al consumatore quello che c'è dietro attraverso il racconto e operando in trasparenza. Un'operazione che può anche rappresentare un aspetto di relazione e di creazione d'empatia".


Lo storytelling, racconto ed emozione

"Il racconto e lo storytelling sono tra gli strumenti comunicativi più potenti per fare comunicazione, e se vogliamo catturare l'attenzione e l'interesse del pubblico dobbiamo andare in quella direzione. Questa tecnica di comunicazione può permetterci di supportare le differenze di tipologie e di varietà da un lato e gli aspetti qualitativi dall'altro. Questo strumento può permetterci di raccontare al meglio anche la stagionalità e può permetterci di dare le giuste informazioni a supporto di una corretta scelta e di un corretto uso e conservabilità dei prodotti".

 

Il racconto di quello che c'è dietro un prodotto crea fiducia e legame: questo avvicina il produttore e il consumatore 
(Guarda il video sul canale YouTube di TellyFood®)

 

Il tema del racconto è quindi essenziale per permettere al consumatore di sapere e conoscere. A volte solo un bel marchio non basta. Sono diverse le operazioni di marketing che oggi vengono fatte: legare il consumo ad un'emozione, ad un ricordo, alla vita, alla salute. Aumentare il valore intrinseco e percepito per combattere ad armi pari rispetto alla logica del solo prezzo.
Su questo tema segnaliamo il canale YouTube di TellyFood® che contiene i webinar che abbiamo realizzato per dare strumenti al produttore agricolo affinché possa migliorare la propria comunicazione; e tanti altri ne faremo nel prossimo futuro.

Per facilitare la visualizzazione del video ai produttori, agli agricoltori e agli operatori del settore inseriamo una legenda con i principali elementi dell'intervista fatta da Ivano Valmori, direttore responsabile di AgroNotizie e ceo di Image Line, e dove questi ultimi sono presenti all'interno dei circa 20 minuti di registrazione.

  • 00:00 Presentazione e introduzione dell'intervista: la passione va raccontata.
  • 01:42 Peperone Carmagnola buono e riconoscibile: ma il consumatore comprende questi aspetti?
  • 07:28 Lo scontro tra valore e prezzo: "Un prodotto non è buono perché famoso, ma è famoso perché è buono".
  • 09:00 Come fa il consumatore a capire che quello è il Peperone di Carmagnola?
  • 11:57 Raccontare il cibo e trasferire al consumatore cosa c'è dietro quel prodotto.
  • 13:36 La stagionalità.
  • 15:48 Conclusioni: un consiglio ai giovani per promuovere un prodotto ortofrutticolo.

 

La redazione vuole farvi anche un altro regalo. Le nuvole di parole: sono le principali parole (di senso compiuto) che sono state maggiormente citate in questa intervista. In questo modo potrete farle vostre e utilizzarle nelle vostre attività di marketing e comunicazione agroalimentare. Il video è stato caricato sul canale YouTube di TellyFood® dove potrete trovare tanti altri video sul tema della comunicazione, della promozione e della valorizzazione della frutta e verdura. Le interviste di TellyFood® avranno cadenza mensile: vi aspettiamo alla prossima puntata. Rimanete collegati!

 

Ecco la nuvola di parole: qui troverete le prime 15 parole che Domenico Tuninetti ha inserito nella sua intervista con noi
Ecco la nuvola di parole: qui troverete le prime 15 parole che Domenico Tuninetti ha inserito nella sua intervista con noi

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agroalimentare ortofrutta interviste video made in italy

Rubrica: TellyFood®: i racconti del cibo

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 277.559 persone iscritte!