Agricoltura sostenibile, da BASF impegni ambiziosi

Riduzione del 30% delle emissioni di CO2, agrofarmaci sempre più sostenibili e soluzioni digitali. Ecco l'impegno di BASF a favore di una agricoltura più proficua per l'agricoltore e rispettosa dell'ambiente

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

sostenibilitabasf-750x500.jpg

BASF ha annunciato nuovi impegni a favore della sostenibilità
Fonte foto: Basf

Con una popolazione globale in aumento gli agricoltori sono chiamati a produrre sempre più cibo e in maniera sempre più sostenibile per l'ambiente e per l'uomo. Una sfida che può essere vinta se si punta sull'innovazione e se tutti gli attori della filiera fanno la loro parte. In quest'ottica BASF ha annunciato una serie di impegni che vanno verso un aumento delle produzioni agricole e della loro sostenibilità.

Durante un evento in streaming sono stati annunciati gli obiettivi che il Gruppo tedesco si è posto: riduzione del 30% delle emissioni di CO2 per tonnellata di prodotto coltivato, aumento del 7% annuo della quota di fatturato derivante da soluzioni che contribuiscono in modo sostanziale alla sostenibilità e utilizzo di tecnologie digitali su oltre 400 milioni di ettari di terreni coltivati.

L'impegno di BASF si inserisce in un quadro più ampio, che vede i consumatori chiedere con sempre maggiore insistenza produzioni più sostenibili e l'Unione europea che con il Green new deal e la strategia From farm to fork mira a rendere il vecchio continente 'carbon neutral'.

"Sebbene ci sia la necessità di approfondire il dialogo sugli elementi chiave della strategia Farm to fork, vediamo in questa un'importante e positiva opportunità di cambiamento. Plasmare il futuro della produzione alimentare in Europa costituisce una trasformazione complessa che richiede innovazione e collaborazione di tutte le parti interessate. Noi incoraggiamo il dialogo e la collaborazione per trovare il giusto equilibrio per il successo - per i coltivatori, l'agricoltura e le generazioni future", ha dichiarato Livio Tedeschi, senior vice president della divisione Agricultural solutions di BASF in Europa, Medioriente e Africa.


Gli impegni di BASF

Il primo impegno di BASF riguarda la riduzione del 30% delle emissioni di CO2 per tonnellata di prodotto coltivato. Secondo l'azienda di Ludwigshafen questo può essere ottenuto grazie a tecnologie che incrementano la resa, rendono la gestione dell'azienda agricola più efficiente e riducono l'impatto ambientale.

Tra i prodotti e le soluzioni che contribuiranno a raggiungere una riduzione delle emissioni vi è la selezione di varietà di colture a resa elevata, resistenti ai mutamenti e agli stress climatici, in grado di ridurre l'impatto ecologico e incrementare la redditività di ogni azienda agricola.

Il secondo impegno riguarda un aumento del 7% annuo della quota di fatturato derivante da soluzioni che contribuiscono in modo sostanziale alla sostenibilità. L'R&D di BASF ha sviluppato soluzioni che promuovono l'uso efficiente delle risorse e riducono l'impronta ambientale. Per esempio le soluzioni basate sul fungicida Revysol, che consentono di ottenere un aumento del 4% delle rese del frumento, permettendo agli agricoltori di far rendere al massimo i terreni già coltivati, preservando quelli incolti. Oppure l'applicazione mirata di biosolutions, come i feromoni RAK, proteggendo le piante per tutto il loro ciclo di vita, integrano la difesa delle colture convenzionale.

Anche il digitale gioca un ruolo importante nel rendere l'agricoltura più efficiente e sostenibile. Attraverso la raccolta di dati e la loro analisi per l'agricoltore è più semplice prendere decisioni corrette. Si evitano così errori che pesano sul portafogli dell'imprenditore agricolo e sull'ambiente.

Le soluzioni digitali Xarvio permettono ad esempio un'applicazione più precisa dei prodotti per la difesa delle colture, una migliore gestione dei nutrienti, delle buffer zone e il monitoraggio della biodiversità. BASF intende mettere a disposizione tecnologie digitali su oltre 400 milioni di ettari di terreni coltivati entro il 2030, anche nei paesi meno sviluppati.
 
Per favorire un uso consapevole degli agrofarmaci, sicuro per l'uomo e per l'ambiente, il Gruppo tedesco intende inoltre aumentare il suo impegno nella stewardship, l'assistenza e la formazione dedicata all'agricoltore che utilizza gli agrofarmaci. Il sistema chiuso di trasferimento in botte easyconnect, ad esempio, è frutto della collaborazione tra diversi partner e sostenuto da attori chiave dell'industria agrochimica, con il lancio sul mercato previsto per il 2021-2022.

"L'agricoltura è fondamentale per il benessere a livello mondiale. Nei prossimi decenni il nostro sistema alimentare basato sull'agricoltura subirà una trasformazione, accelerata dalla necessità di garantire un'alimentazione sana e alla portata di una popolazione in continuo aumento. Allo stesso tempo sarà necessario contenere il suo impatto sul nostro pianeta. Questa trasformazione è guidata dalla richiesta di rese migliori, vale a dire ottenute secondo modalità che siano riconosciute come benefiche per la società, che rispettino il pianeta e aiutino gli agricoltori a vivere del loro lavoro", ha dichiarato Vincent Gros, presidente della divisione Agricultural solutions di BASF. "Con le nostre offerte integrate sosteniamo gli agricoltori di tutto il mondo nel loro lavoro e con loro siamo impegnati a creare un impatto positivo sul sistema agroalimentare".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione ambiente sostenibilità

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.594 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner