Vino in Cifre, ecco la 9° edizione

Tutti i numeri del settore a livello mondiale, europeo e italiano. Per il Belpaese moderata soddisfazione per i dati dell'anno appena trascorso: riprendono i consumi sul mercato interno, ma si può ancora migliorare su quello internazionale

vino-in-cifre-2019-fonte-uiv-corriere-vinicolo-sito.jpg

Vino in Cifre è scaricabile grauitamente

E' uscita la 9° edizione dell'annuario Vino in Cifre, edito da Unione italiana vini in partnership con l'Osservatorio del vino e in collaborazione con l'Associazione italiana sommelier, si legge in una nota del Corriere Vinicolo. In 72 pagine di tabelle, grafici ed elaborazioni esclusive, viene illustrata l'evoluzione del settore vitivinicolo a livello mondiale, europeo e italiano: dal potenziale produttivo ai consumi, dal commercio ai prezzi e la riconferma della sezione "Vino in Cifre Bio", dedicata al segmento dei vini biologici.

I numeri dell'anno appena trascorso permettono solo una moderata soddisfazione. A una ripresa dei consumi sul mercato interno, confermata dalla positiva chiusura natalizia, fa da contraltare un trend del mercato internazionale dove l'Italia non sempre gioca da primattore, ma in qualche caso da comprimario, in particolar modo sui vini fermi.

Il 2019 inizia con le incertezze non rassicuranti legate alla Brexit, al rallentamento dell'economia cinese e alle dispute commerciali in atto tra Pechino e Washington. Negli Usa, poi, lo shutdown sta iniziando a creare i primi problemi amministrativi, avendo bloccato le attività del Ttb, Alcohol and tobacco tax and trade bureau, con ripercussioni che, probabilmente, non tarderanno a riverberarsi sul settore. Un settore che, dopo le altalenanti vicissitudini della vendemmia 2018, con sensibili riduzioni dei prezzi all'origine e tentativi speculativi messi in atto da più parti, necessita di ritrovare coesione e unità d'intenti.

Negli ultimi dieci anni, la geografia mondiale del vino è profondamente cambiata: l'Unione europea oggi ha ridotto il suo peso sul totale commercio dal 70% al 57%, mentre il continente asiatico ha guadagnato 13 punti percentuali, attestandosi oggi al 20%. La Cina da sola conta oggi per il 10% sul totale degli scambi mondiali di vino confezionato, a tre punti dagli Usa, ed è un mercato sui cui si è accesa una fortissima competizione: basti pensare che tra i primi 11 paesi produttori di vino, ben sette hanno Pechino tra le prime cinque destinazioni, mentre solo dieci anni fa erano solo un paio. Per l'Italia purtroppo la Cina è, e resta, una destinazione marginale, anche se il grande lavoro fatto dal tavolo congiunto Mise-Ice-Uiv sta cominciando a dare i primi frutti.

Scarica Vino in Cifre 2019 scaricabile in formato Pdf

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.640 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner