Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Nasce Cia Toscana Centro

Riunisce Cia Pistoia e Cia Firenze-Prato con oltre 4.500 iscritti e vede come presidente Sandro Orlandini e come direttore Sandro Piccini. Tra gli obiettivi principali in programma, olivicoltura, viticoltura e la piccola e media impresa vivaistica

sandro-orlandini-cia-toscana-centro-by-cia-toscana-jpg.jpg

Il presidente della Cia Toscana Centro, Sandro Orlandini (in piedi) durante l'assemblea costitutiva
Fonte foto: Cia Toscana

Nasce Cia Toscana Centro, la nuova organizzazione territoriale della Confederazione italiana agricoltori che scaturisce dalla fusione tra la sezione di Pistoia e la sezione di Firenze e Prato.

In totale sono oltre 4.500 gli agricoltori che così confluiscono in Cia Toscana Centro, che vede come presidente neoeletto Sandro Orlandini e come direttore Sandro Piccini.

Tra i punti del programma, il supporto agli olivicoltori nella sfida della qualità e innovazione e aiuti alla viticoltura per rivitalizzare i consorzi. Ma ovviamente ci sarà attenzione anche per florovivaismo, con un piano per salvare le sorti della piccola e media impresa vivaistica, e per l'agriturismo.

Sull'olivicoltura, come hanno spiegato il presidente e il direttore, la problematica principale è legata alle gelate tardive, colpi di calore primaverili ed estati troppo umide, che hanno portato a una riduzione della produzione, proprio quando c'è una domanda disponibile a riconoscere agli oli di qualità prezzi remunerativi, nonostante i costi di produzione spesso ancora troppi alti.

Non mancano i problemi anche riguardo alla viticoltura, con i consorzi che non possono essere visti solo come una gabella dai produttori, ma devono essere a fianco del mondo della produzione per stabilizzare i prezzi, rendere remunerativo il prodotto vino e consentire alle nostre imprese di essere in grado di sostenersi economicamente.

Secondo il presidente della Cia Toscana Luca Brunelli la creazione della Cia Toscana Centro è una razionalizzazione che consente economie di scala e di rafforzare l'offerta di servizi qualificati ai soci, con benefici anche sul livello politico-sindacale.

Fonte: Cia Toscana

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner