MF 8730 S Stage V: l'alta potenza è multitasking

Mix unico di potenza, peso e prestazioni, il trattore da 300 cavalli di Massey Ferguson è un tuttofare che dà il meglio di sé sia nelle lavorazioni pesanti in campo sia nei trasferimenti su strada

Contenuto promosso da AGCO Italia :: Massey Ferguson
mf-8730s-trasporto.jpg

MF 8730 S, modello imbattibile nel trasporto
Fonte foto: Massey Ferguson

Emblema della capacità di Massey Ferguson di rispondere alle esigenze del mercato di alta potenza, la gamma MF 8700 S Stage V comprende sei modelli di trattrici con un passo di soli 3.1 metri e potenze massime comprese tra 300 e 405 cavalli (con sistema EPM). Si tratta di macchine potenti, ma compatte, agili e maneggevoli con il minore rapporto peso/potenza - 26.7 kg/CV - del segmento.

Ideali tanto per gli agricoltori quanto per i contoterzisti, i trattori MF 8700 S garantiscono tecnologia all'avanguardia, ergonomia avanzata e sicurezza grazie ad una visibilità senza paragoni. La manutenzione periodica rapida ed economica consente agli operatori di lavorare con la massima tranquillità.

Spesso molti clienti guardano solo il top di gamma, ma alcuni in Italia sono molto interessati al MF 8730 S da 300 cavalli (330 con il boost) che rappresenta il mezzo giusto per chi cerca un tuttofare capace di offrire prestazioni, masse, capacità idraulica e di sollevamento adeguate.
 

Potenza unita a sostenibilità e compattezza

Il motore a sei cilindri Agco Power da 8.4 litri dell'MF 8730 S - lo stesso di tutti gli altri modelli MF 8700 S - rappresenta l'evoluzione del propulsore dei pluripremiati trattori MF 8600, che per primi hanno utilizzato la tecnologia SCR (Selective catalytic reduction) tredici anni fa. L'attuale motorizzazione assicura una visibilità anteriore migliorata e un risparmio di carburante maggiore con costi d'esercizio ridotti, nonché un'affidabilità e una semplicità apprezzabili dagli agricoltori.

Il motore è conforme allo Stage V grazie all'aggiunta di un SC (Soot Catalyst o catalizzatore dell'incombusto) tra DOC e SCR. La centralina motore ECU misura la pressione e la temperatura nell'SC per stabilire se è necessario avviare la rigenerazione. Durante la rigenerazione - automatica e passiva - non si usa un iniettore aggiuntivo per aumentare la temperatura nel tubo di scarico e quindi non si consuma carburante extra. I sistemi di trattamento dei gas di scarico DOC-SC-SCR sono esenti da manutenzione e progettati per funzionare per l'intera vita utile del macchinario.

Il propulsore genera una potenza massima di 330 cavalli con il sistema EPM (Engine power management), che entra in funzione con l'impiego della Pto o dell'idraulica quando la macchina è in movimento con velocità oltre gli 0.1 chilometri orari o è in trazione sopra i 15 chilometri orari, durante lavorazioni in campo o operazioni di trasporto. Per garantire un accesso confortevole alla cabina e un'autonomia adeguata, sono stati ridisegnati i serbatoi che mantengono comunque capacità di tutto rispetto: 600 litri per il carburante, 60 litri per l'AdBlue.
 

Dyna VT, trasmissione veramente tuttofare

L'MF 8730 S vanta la trasmissione a variazione continua Dyna VT che - gestita con leve Power Control (esclusiva MF) o Multipad - assicura la massima flessibilità in ogni condizione di lavoro. Dyna VT è ormai un must anche per il pacchetto Efficient e funziona in modalità lepre, che ammette variazioni angolari massime dell'idrostatica permettendo di raggiungere i 50 chilometri orari in trasporto (secondo Mother Regulation), o tartaruga, che limita la componente idrostatica favorendo rendimenti meccanici maggiori per rispondere meglio agli elevati carichi nelle lavorazioni pesanti in campo.

Il modello è indicato per i trasferimenti su strada per via della sua massa ridotta rispetto ai concorrenti e, al contempo, delle masse totali convoglio elevate. La sicurezza è sempre garantita grazie a impianti frenanti del rimorchio a doppia linea, con una linea dedicata al sistema di emergenza.

In ogni caso, l'MF 8730 S è anche un potente cavallo da tiro in campo. Il DTM (Dynamic tractor management) consente al driver di lasciare la gestione del regime motore alla trattrice, previa impostazione della velocità di avanzamento desiderata in aratura o ripuntatura. Dal canto suo, la funzione Supervisore Pto regola la velocità di avanzamento in base al carico sulla Pto, mantenendo pressoché costante il regime motore quando si affina il terreno con erpice rotante o macina pietre. L'elevata affidabilità è merito anche dei due circuiti idraulici separati tra trasmissione e ausiliari.
 
MF 8730 S al lavoro con un erpice KUHN HR
MF 8730 S al lavoro con un erpice KUHN HR
 

Componenti da primi della classe

L'idraulica non ha nulla da invidiare a quella dei fratelli maggiori: l'impianto prevede una pompa da 205 litri al minuto e fino a 6 distributori posteriori (con sistema di decompressione per facilitare attacco o distacco), oltre a 3 anteriori di cui uno dedicato al sollevatore da 5mila chilogrammi. Particolarmente performante il sollevatore posteriore, con capacità massima di 12mila chili e sistema di sospensione per ottimizzare il trasporto di attrezzi portati molto pesanti.

La gestione della trazione integrale, il bloccaggio differenziale e la selezione della Pto sono affidate a sistemi elettroidraulici automatici o manuali. La Pto posteriore è attiva a 540E/1000/1000E giri al minuto, quella anteriore presenta la velocità classica (1000).

Tanto prestante quanto confortevole e maneggevole, l'MF 8730 S presenta sospensioni sull'assale anteriore di tipo a forbice e un sistema multi accumulatori (precaricati a differenti pressioni) che mantiene condizioni di lavoro perfette anche in presenza di carichi variabili sull'avantreno. Inoltre lo Speed Steer, ora di serie, regola il numero di giri volante per la sterzata al fine di velocizzare le manovre di fine campo e rendere tutto più semplice.
 

Cabina: il regno della tecnologia MF

Ultima chicca del trattore Massey Ferguson - disponibile negli allestimenti Efficient o Exclusive (quest'ultimo è il più richiesto) - è la spaziosa cabina a 5 montanti, con volume di 3.8 metri cubi. Qui l'ergonomia è al top grazie ai comandi disposti minuziosamente sul bracciolo e al monitor touchscreen a colori Datatronic 5 da 9 pollici, che controlla le funzioni del mezzo, l'Isobus e la guida satellitare, nonché le funzionalità correlate.

Trattrice da campo aperto, l'MF 8730 S può contare sulle soluzioni integrate Fuse Technologies, testimonianze della velocità con cui Massey Ferguson implementa l'innovazione. Il sistema di guida Auto-Guide assicura una precisione inferiore al centimetro aumentando l'efficienza delle operazioni, mentre il controllo di sezione (fino a 36 sezioni) insieme al rateo variabile consente di seminare e fertilizzare (fino a cinque differenti prodotti) senza sovrapposizioni. Il tutto a vantaggio sia della redditività aziendale sia della sostenibilità ambientale.

Inoltre, la telemetria MF Connect mantiene sempre in contatto la macchina/il conducente con la sede/il gestore. Il sistema consente agli operatori di monitorare il lavoro in campo e ai concessionari di verificare il funzionamento del trattore, fare analisi e service in remoto. Ne deriva una notevole riduzione dei costi di gestione per tutti. Tutte queste soluzioni rientrano tra i prodotti di Agricoltura 4.0, che garantiscono benefici fiscali non indifferenti per i clienti.

In conclusione, l'MF 8730 S può divenire il protagonista delle giornate lavorative di chi cerca il giusto compromesso tra potenza, peso, prestazioni elevate e dimensioni compatte. È performante ovunque non solo con i carri dumper a 3 o 4 assi, ma anche con attrezzature frangi pietre o forestali che richiedono minime velocità di avanzamento e grandi performance della Pto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.916 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner