Marche, ecco il portale della biodiversità

Realizzato su commissione dell'Assam per valorizzare e tutelare l'agrobiodiversità della regione, raccoglie e racconta la storia di cinquanta agricoltori custodi e di sessanta produzioni

portale-biodiversita-marche-homepage-by-portalecustodibiodiversita-it-jpg.jpg

L'home page del portale
Fonte foto: Portale degli agricoltori custodi

Presentato in questi giorni a Fermo dall'assessore regionale all'Agricoltura Mirco Carloni nell'ambito dell'evento Biodiversità lifestyle made in Marche, è ora online il portale dedicato alla tutela della biodiversità della regione.

Il sito, realizzato da Nexma Srl per conto di Assam, racconta il mondo della biodiversità agraria e le storie dei suoi protagonisti: cinquanta aziende impegnate nella conservazione di oltre sessanta produzioni a rischio estinzione.

Il progetto, come riporta lo stesso sito, è dedicato alla biodiversità agraria delle Marche e agli agricoltori custodi e si inserisce nelle iniziative di sviluppo, promozione e protezione degli agro-ecosistemi e delle produzioni di qualità promosse dalla legge regionale 12/2003.

Il lavoro di preparazione del portale ha previsto sopralluoghi in tutta la regione per la realizzazione degli scatti e delle interviste agli agricoltori.

In questo modo, ciascuno ha potuto mostrare tutta la passione che mette, quotidianamente, in un lavoro che contribuisce a mantenere in vita le tradizioni della cultura contadina e gastronomica regionale.

Il sito è strutturato infatti in quattro pagine, una dedicata al progetto, una ai prodotti, una agli agricoltori custodi e una ai contatti.

Il portale consente così di rintracciare facilmente i prodotti e le aziende, contattarle e raggiungerle grazie alla geolocalizzazione. Inoltre è previsto l'inserimento di veri e propri itinerari alla scoperta dell'agricoltura d'eccellenza e del territorio che la ospita.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 258.645 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner