Sensori e centraline meteorologiche: installazione e posizionamento

Per avere dati veritieri e affidabili è importante installare e posizionare in modo giusto gli strumenti. Il video tutorial del Canale emiliano romagnolo, parte del progetto Acqua.docet

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

centralina-meteo-sensori-schermata-video-canale-emiliano-romagnolo-apr-2020-progetto-acqua-docet.png

Per misurare l'umidità dei suoli è opportuno impiegare determinate metodiche
Fonte foto: Tratta dal video del Canale emiliano romagnolo

I dati, si sa, sono sempre più importanti nel mondo agricolo. Proprio per questo sempre più aziende agricole stanno iniziando a dotarsi di apposite tecnologie per acquisire i dati ambientali relativi al sistema coltura-suolo-clima. E tra le numerose tecnologie attualmente presenti sul mercato, si possono ricordare le centraline meteorologiche di rilievo ed i sensori.

Ma per ottenere dati veritieri e di conseguenza utilizzabili è necessario seguire determinate regole e procedure.

Per misurare per esempio l'umidità dei suoli è opportuno impiegare metodiche di installazione che risultano fondamentali ai fini della rappresentatività del dato e soprattutto ai fini della sua affidabilità. Errori di posizionamento rendono inutilizzabile il dato ottenuto e in più una scarsa preparazione dell'installatore può essere la causa del problema.

Il seguente video del Canale emiliano romagnolo (Cer), rientrante nel progetto Acqua.docet, tratta proprio questo tema: la corretta installazione ed il corretto posizionamento delle centraline meteorologiche di rilievo e dei sensori. Un video tutorial che spiega in maniera semplice, pratica e comprensibile la procedura da seguire.


Individuazione dei siti e delle profondità dove posizionare i sensori

Il primo passo è quello di individuare i siti e le profondità in cui posizionare i sensori. Questi ultimi devono essere situati nella zona radicale attiva e sono tre i fattori da tenere in considerazione: la presenza omogenea di colture, la tessitura del terreno e la struttura dello stesso.

Altro consiglio è quello di evitare di installare i sensori vicino ad oggetti metallici perché questi ultimi possono attenuare il campo elettromagnetico dello stesso e quindi influenzare negativamente le letture.


Individuazione dell'allocamento del sensore

Il secondo passo da seguire è quello di individuare il punto esatto in cui si desidera installare il sensore, andando poi a calcolare la profondità del foro e l'inclinazione. Fatto il foro ed inserito il sensore è utile verificare subito il funzionamento dello stesso collegandolo allo strumento di lettura prima di provvedere al riempimento del foro di entrata.
Dopodiché si deve ricostruire una condizione il più possibile simile a quella che c'era inizialmente.

In ultimo, ma non meno importante, è buona prassi rendere ben visibili e custodire in appositi contenitori rialzati dal terreno gli strumenti di lettura del dato.
 

Indicazioni per l'installazione delle centraline

Per quanto riguarda le centraline meteorologiche è opportuno ricordare che devono essere installate in spazi dove i rilevamenti non sono influenzati da edifici o da abbondante vegetazione, anche perché devono poter rilevare dati significativi per il contesto aziendale di coltivazione.
Una volta installati i sensori che compongono la centralina è opportuno verificarne le funzionalità, l'eventuale taratura e la connettività affinché non vadano perdute importanti informazioni.

Guarda il video tutorial del Cer per saperne di più.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 229.903 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner