Appuntamenti fiorentini per il Collegio dei periti agrari

Il presidente Braga e il consigliere Andrea Taddei in visita a Firenze per parlare di una nuova fondazione per gestire i servizi agli iscritti e del nuovo portale informatico per lo scambio di informazioni tecniche che sarà presentato il 27 settembre ai Georgofili

palazzo-vecchio-firenze-by-gryffindor-wikimedia.jpg

Palazzo Vecchio, sede del municipio di Firenze
Fonte foto: © Gryffindor - Wikimedia

E' stato un proficuo tour in Toscana quello che hanno fatto i rappresentanti del Collegio nazionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati.

Il presidente Mario Braga, accompagnato dal consigliere della Cassa nazionale Andrea Taddei hanno incontrato Raffaele Lenzi, notaio in Firenze e Montecatini Terme, nonché professore di diritto civile all'università di Siena per parlare della costituzione di una fondazione che il collegio vuole costituire al servizio della categoria.

Una fondazione dovrà avere il compito principale di organizzare la formazione e i servizi agli iscritti.

Dopo è stata la volta della visita alla Accademia dei Georgofili, su invito del presidente dell'Accademia Giampiero Maracchi.

Un invito che segue la partecipazione di Lorenzo Venturini, delegato del Collegio e presidente della sezione di Siena Arezzo e Firenze al convegno sull'andamento del progetto Cobraf per la valorizzazione dei prodotti da bioraffinerie di colture oleaginose, che si è tenuto nei giorni scorsi all'Accademia fiorentina.

Così Braga e Taddei hanno visitato la storica sede in via dei Georgofili, davanti alla Galleria degli Uffizi accompagnati anche dagli accademici Marco Mancini e Carlo Chiostri.

Ma il tema centrale della visita è stato quello di approfondire i dettagli e i vari aspetti del nuovo portale informatico per condividere idee e competenze in agricoltura.

Il portale, che vedrà la sua presentazione ufficiale il 27 settembre prossimo, vuole essere una vera e propria piazza aperta dove domande e risposte s’incontrano per diventare patrimonio diffuso d’informazioni innovative.

Per Braga, infatti il portale diverrà uno strumento informativo, il più importante per le materie tecnico scientifiche, per tutti gli iscritti all’Albo dei periti agrari e non solo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.844 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner