Certificare la biodiversità negli ecosistemi agricoli

Evento organizzato da Anabio-Cia in collaborazione con Ccpb. Teatro comunale "La Vittoria" di Ostra (An), mercoledì 16 marzo, ore 9.30

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ccpb-convegno-20160316.jpg

Ostra (An), mercoledì 16 marzo 2016, ore 9.30

Il prossimo mercoledì 16 marzo è in programma al Teatro comunale "La Vittoria" di Ostra (An) il convegno organizzato da Anabio-Cia in collaborazione con il Ccpb intitolato "Certificare la biodiversità negli ecosistemi agricoli: dalla certificazione alla remunerazione dei servizi eco sistemici ambientali". Il seminario di approfondimento su Biodiversity Alliance, la “certificazione della biodiversità negli ecosistemi agricoli” che misura il livello di biodiversità raggiunto in una produzione agricola o presente in un determinato territorio.

Biodiversità e agricoltura biologica
La salvaguardia e il recupero della biodiversità agricola - afferma Fabrizio Piva, amministratore delegato Ccpb - offrono la possibilità di mantenere e produrre varietà migliori e più diversificate che aiutano gli agricoltori a ridurre la dipendenza da input esterni e la vulnerabilità a malattie e cambiamenti climatici. Su questa linea c’è un legame molto forte tra agricoltura biologica e tutela della biodiversità”.

La valutazione della biodiversità si basa sull’analisi della qualità biologica dei suoli Qbs che considera le pratiche agronomiche adottate (fertilizzazione, rotazioni, eccetera), dei sistemi produttivi, come nel caso dell’agricoltura biologica o di quella integrata, e dell’ambiente. Gli indicatori nella misura Qbs riescono ad essere utili all’azienda che li adotta anche per comunicare al mercato e ai consumatori. "La misurazione della biodiversità di un ecosistema agricolo - afferma Federico Marchini, presidente di Anabio - consentirà agli imprenditori agricoli virtuosi di acquisire, dal mercato e dalle istituzioni, un incremento del valore economico dei propri prodotti agricoli".

I vantaggi per un'azienda certificata per la biodiversità sono:
  • identificazione di colture alternative per massimizzare il beneficio ambientale;
  • possibilità di ridurre i costi di gestione e produzione;
  • potenziamento dell’uso di tecnologie e soluzioni eco-compatibili;
  • ripensamento delle pratiche agricole e pianificazione del territorio;
  • definizione delle strategie di business in termini di progettazione del prodotto o processi alternativi e più sostenibili;
  • visibilità del marchio sul prodotto, come ad esempio uno strumento credibile di comunicazione e marketing.

Per registrarti al convegno clicca QUI

Per il programma clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.149 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner