Ottime performance per il bio nel 2009

L'Ismea diffonde i dati sui consumi di prodotti biologici in Italia

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

biologico.jpg

Continua nel 2009 l'ottimo andamento dei consumi di alimenti biologici in Italia. E' quanto emerge dai dati diffusi dall'Ismea - Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare sul settore biologico. Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati, spiega l'Ismea, registrano nel 2009 un incremento in valore del 6,9%, superiore a quello già segnato nel 2008 (+5,2%).

Il biologico, sottolinea l'istituto, conferma la sua vitalità in un momento di generale stagnazione della domanda interna di prodotti alimentari che non risparmia neanche i segmenti di qualità certificata, come le Dop e le Igp (-1,3% la flessione della spesa rispetto al 2008) e i vini Doc, Docg e Igt (-8,1% la contrazione degli acquisti in valore a fronte di volumi di vendita sostanzialmente invariati). 

Tra le singole referenze bio, le migliori performance di mercato, precisa l'Ismea, si rilevano per l'ortofrutta fresca e trasformata (+26,6% l'incremento in valore su base annua) e per le uova (+21,8%), mentre gli acquisti di bevande e pane (e suoi sostituti) crescono a ritmi più contenuti (rispettivamente del 5,7% e del 8,7% ) e quelli dei prodotti lattiero caseari segnano una flessione dell'1,9%. Calano nel 2009 anche i consumi di alimenti per la prima colazione (the, caffè, biscotti e dolciumi), con un meno 2,7%, della pasta e del riso (-2%), degli olii (-3,3%) e degli alimenti per l'infanzia che, dopo il buon andamento del 2008, segnano una battuta d'arresto (-15,7%). Ortofrutta, prodotti lattiero caseari e alimenti per la prima colazione, prosegue l'Ismea , confermano anche nel 2009 la loro leadership nel mercato, incidendo nel complesso per oltre il 54% sul totale degli acquisti di prodotti biologici.

A livello geografico il consumo bio resta una caratteristica prevalentemente del nord Italia. Nelle regioni settentrionali si concentra, infatti, più del 70% degli acquisti nazionali (il 43,1% nel nord-ovest e il 27,9% nel nord-est), mentre il centro, inclusa la Sardegna, e il meridione rappresentano rispettivamente il 21,6% e il 7,5% del totale.

Riguardo, infine, alla ripartizione degli acquisti bio per canale distributivo (la rilevazione non include i negozi specializzati), prosegue nel 2009, conclude l'Ismea, la crescita degli acquisti nella grande distribuzione organizzata, in particolare negli ipermercati, che registrano un incremento del 14,7%, mentre di gran lunga più contenuto è risultato l'incremento nei supermercati (+1,5%).

Fonte: Agrapress

Tag: biologico

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.628 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner