Nutrizione del pomodoro e del peperone coltivati in bio, il metodo Ilsa

Dall'esperienza in campo, l'azienda propone due metodologie nutrizionali specifiche in grado di incrementare le rese e di migliorare la qualità finale del raccolto

Contenuto promosso da ILSA
pomodori-peperoni-by-studio-gi-adobe-stock-750x457.jpeg

Ilsa con processi tecnologici unici e totalmente sostenibili è in grado di produrre fertilizzanti e biostimolanti davvero efficaci (Foto di archivio)
Fonte foto: © Studio Gi - Adobe Stock

Pomodoro e peperone sono due specie appartenenti alla famiglia delle solanacee e hanno aspetti molto simili tra di loro per quanto concerne il periodo di coltivazione, esigenze nutrizionali e altre tecniche colturali. Da non trascurare anche le esigenze dell'imprenditore agricolo che è quello di razionalizzare gli interventi colturali volti ad ottenere rese che rispecchiano gli standard qualitativi del mercato e che siano redditizie.

Ilsa negli anni ha sviluppato metodologie nutrizionali derivate dall'esperienza pluriennale in campo nella coltivazione di pomodoro e peperone. Esse sono consone agli obiettivi prefissati dall'agricoltore, ovvero quello di incrementare la resa (n. frutti, pezzatura dei frutti) e migliorare la qualità del raccolto (uniformità di maturazione, °Brix, consistenza e salubrità dei frutti). Per raggiungere gli obiettivi agronomici sopra menzionati è essenziale, durante la coltivazione del pomodoro e del peperone, adottare in campo una metodologia nutrizionale completa, che tenga conto della concimazione del suolo, della fertirrigazione e della concimazione fogliare. In questo modo è possibile fornire nelle varie fasi fenologiche della pianta e in maniera razionale ed efficiente tutti gli elementi nutritivi di cui essa necessita.

Ilsa con processi tecnologici unici e totalmente sostenibili è in grado di produrre fertilizzanti e biostimolanti davvero efficaci a base di Agrogel® (gelatina idrolizzata per uso agricolo), ottenuta da un processo di idrolisi termobarica (FCH®), Gelamin® (gelatina fluida per uso agricolo) ed Idrolizzato enzimatico di Fabaceae®, entrambi ottenuti da un processo di idrolisi enzimatica (FCEH®). Le tre matrici organiche, che sono esclusive di Ilsa, sono in grado di garantire alle piante una nutrizione completa e duratura nel corso di tutto il ciclo colturale.

La composizione naturale di Agrogel® consente un rilascio graduale nel suolo di azoto e di altri elementi minerali contenuti nei fertilizzanti. Questa cessione nutrizionale è in linea con i tempi di degradazione della matrice organica da parte dei microrganismi del suolo e in sincronia con le esigenze della pianta, per cui distribuendo in pre-trapianto fertilizzanti solidi a base di Agrogel®, si garantisce, in un unico intervento, una nutrizione equilibrata fino alla maturazione commerciale. Oltre a ciò, Agrogel® migliora la fertilità e la struttura del suolo e attiva la flora batterica del terreno.

Fch - Agrogel

Invece, l'impiego successivo, in fertirrigazione e per via fogliare, di specialità nutrizionali liquide a base di Gelamin® consente di integrare l'apporto di macroelementi (N, P, K), meso e microelementi (Mg, Ca, B, Fe, ecc.) essenziali sia per la prevenzione di fisiopatie nutrizionali che per aumentare le produzioni di pomodoro e peperone e l'alta percentuale di amminoacidi liberi presenti in Gelamin® stimola il metabolismo vegetale, attivando i meccanismi di risposta delle piante per superare situazioni di stress abiotico (alte temperature, siccità, elevate traspirazioni, salinità, ecc.). Le piante trattate con prodotti a base di Gelamin® sono più vigorose, hanno tessuti ben ispessiti e sono più resistenti alle avversità ambientali e alle manipolazioni.

Fceh - Gelamin

Completano la metodologia di Ilsa i suoi biostimolanti naturali a base di Idrolizzato enzimatico di Fabaceae® ricco in molecole organiche ad azione specifica (amminoacidi vegetali, triacontanolo organico, saponine, vitamine, polisaccaridi, ecc.) che stimolano specifici processi fisiologici nella pianta, tra cui la moltiplicazione cellulare, la fioritura e allegagione, la divisione cellulare, l'assorbimento di acqua e nutrienti, la maturazione e la formazione di composti antiossidanti, ecc. Grazie al processo di idrolisi enzimatica (FCEH®), le specialità nutrizionali a base Gelamin® e i biostimolanti a base dell'idrolizzato enzimatico di fabaceae possono essere miscelati con i principali fertilizzanti chimici e/o prodotti fitosanitari presenti in commercio, in quanto non causano alcun effetto fitotossico sull'apparato vegetativo delle piante (fogliare e radicale).

Dall'esperienza in campo si riportano di seguito due metodologie nutrizionali specifiche per la coltivazione del pomodoro e del peperone in biologico e che sono in grado di incrementare le rese e di migliorare la qualità finale del raccolto.

Piano di interventi peperoni
(Clicca sull'immagine per scoprire il piano di interventi peperone in biologico)

Piano di interventi pomodoro da industria
(Clicca sull'immagine per scoprire il piano di interventi pomodoro da industria in biologico)

Per vedere e scaricare tutti i dettagli relativi ai nostri prodotti vai sul sito Ilsa nella sezione nutrizione.
Potrai scoprire inoltre la gamma delle specialità nutrizionali e dei biostimolanti del programma Viridem® e registrandoti scaricare documentazione tecnica di approfondimento.