Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Fertilizzanti, l'Ue indaga sulla calciocianamide

Normativa europea: la commissione Ue ha incaricato l'Echa di valutare i rischi legati alla calciocianamide utilizzata come fertilizzante per fissare eventuali restrizioni

bandiera-europea-europa-by-andrey-kuzmin-fotolia-750.jpeg

La commissione Ue incarica l'Echa di indagare sulla calciocianamide per fissare eventuali restrizioni
Fonte foto: © Andrey Kuzmin - Fotolia

In seguito all’opinione dello Scher (Scientific Committee on Health and Environmentals Risks), comitato indipendente in seno alla DG Health and Food Safety della commissione Ue, sulla sicurezza tossicologica e ambientale della calciocianamide utilizzata come fertilizzante, la commissione Ue ha incaricato l’Echa (non l’Efsa, in quanto non si tratta di agrofarmaci) di effettuare una valutazione preliminare del rischio per verificare le criticità segnalate nel relativo report.

L’agenzia di Helsinki, potendo esaminare la documentazione presentata dai produttori in supporto della registrazione Reach della sostanza e anche i risultati degli studi effettuati sulla cianamide (principale metabolita della calciocianamide) quando impiegata come biocida, ha confermato le preoccupazioni della Commissione e segnalato ulteriori potenziali criticità.

La Commissione Ue ha quindi incaricato la stessa Echa di predisporre una serie di restrizioni sull’uso della sostanza, predisponendo un apposito dossier previsto dall’allegato XV del Reach. Questa procedura è stata notificata sul sito dell’Agenzia, che riporta gennaio 2019 come data prevista di deposito del dossier. L’Echa valuta se il dossier è conforme. In caso positivo verrà sottoposto per sei mesi ai commenti degli “stakeholders”.
La versione finale con i commenti e gli eventuali contributi degli enti interessati, anche sotto forma di studi o monitoraggi, verrà successivamente sottoposta a due comitati: il Rac (Risk Assessment Committee, comitato per la valutazione del rischio), che valuta la documentazione tossicologica e ambientale e relative restrizioni e il Seac (Socio-Economic-Analysis Committee, Comitato per l’analisi socio-economica) che analizza l’impatto socio-economico del bando o delle restrizioni alla sostanza in questione.

Il Rac ha nove mesi per formulare la proposta definitiva di restrizione e il Seac deve formulare il suo parere finale entro dodici mesi dall’inizio della prima consultazione pubblica (nel caso specifico entro gennaio-febbraio 2020). I pareri vengono sottoposti alla commissione Ue che ha tre mesi di tempo per proporre un progetto di emendamento del Reach (allegato XVII) e la decisione finale verrà adottata con una procedura di comitato che vedrà interessati il parlamento europeo e gli Stati membri e terminerà probabilmente dopo il 2021.
 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi

  1. Sito dell’Echa.
  2. Opinione dello SCHER sulla calciocianamide.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner