Elettricità e vino, in Francia arriva la vigna fotovoltaica

Nella nazione si sta sperimentando la possibilità di unire la viticoltura alla produzione di energia elettrica attraverso impianti fotovoltaici

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vigna-fotovoltaica-2.jpg

Il taglio del nastro della prima vigna fotovoltaica al mondo
Fonte foto: Terre de Vins

In Francia è stato inaugurato a novembre di quest'anno il primo campo viti-voltaico. Si tratta di una vigna di 7,5 ettari nella regione del Roussillon, Sud del paese, impiantata sotto dei pannelli fotovoltaici orientabili. Lo scopo è quello di produrre energia elettrica e anche vino, in un'ottica di sostenibilità e miglioramento della qualità delle uve stesse.

A tagliare il nastro del nuovo complesso sperimentale sono stati i dirigenti di Sun'R, multinazionale francese attiva proprio nel campo delle energie rinnovabili, e i ricercatori dell'Inra, l'Istituto nazionale per la ricerca agronomica. Il progetto ha infatti richiesto un investimento di 21 milioni di euro e dieci anni di ricerche per arrivare alla realizzazione del primo impianto pilota (del costo di 4 milioni, sostenuti da Sun'R). Il risultato è Sun'Agri3, sette ettari di vigna di varietà Marselan, Chardonnay e Grenache Gris, 3,5 dei quali lasciati 'scoperti' come testimone.

Ma perché spendere 21 milioni (più 4) per realizzare una vigna fotovoltaica? Il motivo è semplice: i cambiamenti climatici. Da un lato infatti è chiaro a (quasi) tutti che lo sfruttamento delle energie fossili sta portando conseguenze devastanti per il pianeta e l'agricoltura. L'utilizzo dunque di fonti rinnovabili, come il solare, è essenziale. Dall'altro lo stesso mutamento del clima ha messo in difficoltà i vignaioli francesi, famosi per i loro champagne.

Campo viti-voltaico

Il rapporto di causa-conseguenza è semplice. I mutamenti climatici hanno reso le estati francesi più calde e secche. Questo ha portato un maturamento precoce delle uve che al momento della vendemmia risultano avere un tenore di acidità non ottimale e una sovrabbondanza di zuccheri. Una sciagura per i produttori di bianchi frizzanti secchi che invece fanno dell'acidità e freschezza del vino il loro punto di forza.

Un problema che affligge anche noi italiani, come sanno bene le cantine della Franciacorta, costrette a vendemmiare sempre più in anticipo. Ma anche in Trentino i mutamenti climatici si fanno sentire, costringendo i vignaioli ad impiantare le vigne sempre più in quota per sfuggire al caldo.

Per i vignaioli francesi, che non vogliono rinunciare alle varietà tradizionali né agli areali vocati ai bianchi per spostarsi più a Nord, una soluzione è quella di utilizzare i pannelli fotovoltaici mobili per ombreggiare durante l'estate le viti, rallentando così il processo di maturazione e ottenendo, si spera, vini più acidi e aromatici rispetto a quelli prodotti oggi.

I test di laboratorio e in piccoli appezzamenti condotti negli ultimi anni hanno dimostrato l'efficacia del metodo che comporta anche un risparmio di acqua fino al 30% e un aumento di produzione fino al 50%. Le vigne impiantate nel Roussillon entreranno in produzione nel 2021 e solo allora si potrà sapere se le uve cresciute all'ombra dei pannelli fotovoltaici saranno migliori rispetto a quelle provenienti dalla vigna testimone adiacente.

Vigna fotovoltaica

"L'esperimento condotto in Francia è di interesse anche per l'Italia. Dal punto di vista della coltura l'impianto fotovoltaico non dovrebbe creare problemi. Ma soltanto dopo che saranno portate a termine le prime vinificazioni potremo dire se la soluzione individuata dai ricercatori dell'Inra è valida", spiega ad AgroNotizie Loretta Bacchetta, agronoma dell'Enea. "Rimane l'impatto che i pannelli fotovoltaici hanno sul paesaggio, tutt'altro che trascurabile".

Il sistema, come dicevamo, ha richiesto dieci anni di sviluppo e prevede la realizzazione di pannelli disposti su inseguitori monoassiali installati a 4,5 metri di altezza. Il mattino i pannelli sono rivolti a Est, per catturare i primi raggi del sole, e seguono l'astro durante tutto il suo cammino diurno fino al tramonto ad Ovest.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.539 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner