Clima: emissioni gas serra record nel 2013

Anev ribadisce la centralità dell’energia eolica e rinnovabile per combattere i cambiamenti climatici

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ambiente-sostenibilita-energie-ecologia-by-mopic-fotolia-750.jpeg

Il Consiglio europeo si riunirà il prossimo 24 ottobre per prendere una decisione sul target europeo di incremento delle rinnovabili al 2030
Fonte foto: © Mopic - Fotolia

Il 2013 è stato l’anno in cui le emissioni climalteranti hanno raggiunto il loro picco. A dirlo è il World meteorological organization (Wmo), nel bollettino annuale Greenhouse Gas Bulletin, da cui emergono dati allarmanti.

L’aumento della radiative forcing, ovvero l’effetto di riscaldamento sul clima, è stato del 34% dal 1990 al 2013, causato per l’80% da emissioni di anidride carbonica che proprio nel 2013 hanno raggiunto un aumento record, con un incremento di volume pari a 2,9 ppm, registrando il più grande picco dal 1984.

Nessun dubbio sulle cause e sulle conseguenze di questo fenomeno. Secondo l’organizzazione infatti, l’incremento della Co2 nell’atmosfera è dovuto all’attività antropica e in particolare allo sfruttamento di combustibili fossili. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutto il mondo: totale sregolatezza dei fenomeni meteorologici associati, catastrofi e danni ambientali, acidificazione degli oceani. Secondo il Wmoinoltre sarà sempre più difficile riuscire a raggiungere l’obiettivo di contenimento dell’aumento della temperatura entro la soglia dei 2° C, concordato a livello internazionale, nonostante si sia a conoscenza degli strumenti per farlo.

Anev ribadisce l’importanza e la centralità dell’energia eolica e rinnovabile per combattere i cambiamenti climatici, ma senza azioni immediate gli effetti già in atto del surriscaldamento terrestre saranno catastrofici e irreparabili. Porre rimedio a tutto questo è possibile: la sola energia eolica oggi in Italia produce 15 TWh di energia, in grado di coprire i fabbisogni domestici di 15 milioni di persone e di apportare benefici ambientali, con il risparmio di circa 19 milioni di barili di petrolio corrispondenti a circa 10 milioni di tonnellate di emissioni risparmiate di Co2.

Per questo l’Anev auspica che il Consiglio europeo che si riunirà il prossimo 24 ottobre a Bruxelles per prendere una decisione sul target europeo di incremento delle rinnovabili al 2030, tenga conto di questi allarmanti segnali e intraprenda l’unica strada percorribile, ovvero il sostegno delle energie rinnovabili attraverso obiettivi più ambiziosi e vincolanti per i singoli Stati. Solo in questo modo si potrà dare una speranza al pianeta e alle generazioni future.

Anev ha lanciato una campagna online sul target europeo di incremento delle Fer al 2013, presente al seguente link http://www.anev.org/?p=3723

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 229.867 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner