Sprayfo consiglia: 10 motivi per passare al latte in polvere

Tra le motivazioni suggerite dall'Azienda vi sono un maggiore apporto di vitamine e sostanze nutritive e una crescita più stabile dell'animale

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

sprayfo-agronotizie-latte-vitello-1-3-fonte-nutreco.jpg
Perché un allevatore dovrebbe scegliere il latte in polvere? Quali sono i vantaggi rispetto al latte intero? Di seguito Sprayfo fa un elenco dei 10 principali motivi. 

1. Il latte intero è povero di vitamine e oligoelementi
L’aumentato tenore di grassi nel latte vaccino e la diminuzione della concentrazione di vitamine e oligoelementi, data dall’elevata produzione lattifera, potrebbe portare ad un ridotto funzionamento del sistema immunitario, cattiva digestione, una struttura ossea più debole e rischio di anemia.


Nella tabella il fabbisogno e la presenza di sostanze nutritive, vitamine e oligoelementi nel latte intero e in Sprayfo

2. Il latte intero è troppo grasso
L’elevato tenore di grassi del latte intero rallenta lo sviluppo del rumine, con conseguenze negative sull’assunzione degli alimenti: crescita e sviluppo restano limitati.

3. Il latte intero può trasmettere malattie ai vitelli
Sono sette le malattie note per essere trasmesse facilmente dal latte di vacca. Fra queste: la para Tbc, la salmonellosi, la Bvd e la mastite infettiva.

4. Persino dosi molto basse di antibiotici possono essere dannose
Somministrare ai vitelli basse concentrazioni di antibiotici sul lungo periodo accelera lo sviluppo della resistenza se i vitelli femmina sono nutriti con tale latte.

5. C’è un modo migliore per utilizzare il latte in eccesso
Per i primi tre giorni somministrate a tutti i vitelli 6-8 litri di colostro. Dopo tre giorni passate a Sprayfo per le femmine, per i maschi procedete con 6-8 litri di latte in eccesso al giorno fino alla vendita.

6. Facile? Non se si segue uno schema alimentare responsabile
Nutrire i vitelli con latte di vacca richiede cura e attenzione. Spesso il latte di vacca è freddo. Se non correttamente riscaldato potrebbe causare diarrea.

7. Le apparenze possono ingannare
L’elevato tenore di grassi nel latte di vacca garantisce nei vitelli un mantello lucido e uno stomaco ben pieno. Tuttavia, si nasconde una carenza di vitamine e minerali e un rumine sottosviluppato.

8. Utilizzare il latte vaccino per l'alimentazione impone un eccessivo lavoro manuale
Per alimentare 50 vitelli è notevolmente meno impegnativo svuotare 80 sacchi di sostituto del latte in polvere che movimentare 15.000 litri di latte intero.

9. Ridurre il contenuto di grassi del latte non ha senso
È possibile ridurre i grassi nel latte intero diluendolo con acqua o facendo una scrematura. In entrambi i casi, però, diminuirà i livelli di vitamine e oligoelementi.

10. Il latte intero non è stabile
I livelli di sostanza secca, proteine, grassi e lattosio possono variare molto, questo comporta una curva di crescita instabile per il vitello e aumenta il rischio di diarrea.

Nella tabella le variazioni delle sostanze nutritive nel latte intero


Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.325 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner