Il grano duro di Barilla si fa sostenibile: -30% delle emissioni di CO2

La sperimentazione nell'ambito del progetto Climate ChangER dell'Emilia Romagna, che punta a ridurre l'effetto serra del sistema agricolo regionale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

luca-ruini-responsabile-ambiente-gruppo-barilla-2013.jpg

Luca Ruini, responsabile ambiente per il Gruppo Barilla

Ridurre le emissioni di gas effetto serra da parte dei sistemi agricoli della Regione Emilia-Romagna, dal campo al piatto: è questo l'obiettivo di Climate ChangER, il progetto di cui Barilla è partner.

Luca Ruini, responsabile Ambiente per il Gruppo Barilla, ha presentato i risultati della ricerca sulla qualità e sostenibilità della coltivazione del grano duro realizzata con Horta (spin off dell’Università Cattolica di Piacenza) e Life Cycle Engineering di Torino. La ricerca è stata condotta in tutta Italia tra il 2011 e il 2012 sui campi di 25 aziende agricole fornitrici di grano di Barilla. Il lavoro ha dimostrato l’importanza di un approccio integrato, che tiene in considerazione la salvaguardia del suolo e dell’ambiente, aspetti di qualità e sicurezza alimentare e il valore economico per gli operatori della filiera. Ciò è stato possibile attraverso l’adozione delle linee guida riportate nel Decalogo di coltivazione e del sistema di supporto alle decisioni granoduro.net®, un sistema accessibile via web sviluppato da Horta.

In dettaglio, si è trovata conferma da una parte che l’avvicendamento colturale, con rotazioni che alternano i cereali con le leguminose (pisello, favino, cece, lenticchia), le proteoleaginose (colza, girasole, soia) o le colture ortofrutticole, consente di produrre un grano duro di alta qualità, migliorando allo stesso tempo la fertilità del terreno, consentendo di ottimizzare i trattamenti necessari per la protezione della coltura e di migliorare l’efficienza dei fertilizzanti impiegati. Dall’altra che gli strumenti di supporto alle decisioni come granoduro.net®, attraverso la valutazione di condizioni meteorologiche e delle specificità del territorio, consentono di ottenere risultati di alta qualità ottimizzando i mezzi tecnici e riducendo gli impatti ambientali.

Barilla e Emilia-Romagna vantano una lunga storia di collaborazione, con accordi quadro per la produzione di grano duro di qualità a livello locale.
"Con questa nuova ricerca - ha spiegato Ruini - attraverso l’analisi del ciclo di vita del prodotto abbiamo visto che oltre il 60% dell’impronta ecologica della pasta deriva proprio dalla coltivazione del grano duro. Ci siamo così impegnati per garantire una materia prima ottima per la nostra pasta con un minore impatto ambientale, e abbiamo scoperto che le tecniche tradizionali, affiancate da nuove tecnologie, consentono anche di ottimizzare i costi di produzione con un potenziale vantaggio per gli agricoltori”.

Infatti, nella sperimentazione 2011/2012 l’adozione di corretti avvicendamenti e l’impiego dell’uso dei modelli previsionali presenti in granoduro.net® hanno complessivamente condotto a una riduzione superiore al 30% delle emissioni di CO2, un aumento del 20% delle rese di produzione, con una riduzione dei costi per l’agricoltore fino al 30%. Ciò è avvenuto grazie ad un uso più mirato dei fertilizzanti e ad un’ottimizzazione dei trattamenti fitosanitari, rispetto alle tecniche intensive tradizionali che prevedono un impiego di risorse definite a priori e non in funzione dell’andamento specifico della campagna.

A partire dai risultati della ricerca sono stati realizzati due strumenti a supporto degli operatori agricoli: da un lato il Decalogo Barilla per la coltivazione del grano duro sostenibile, che suggerisce 10 semplici regole per rendere più efficienti le pratiche colturali e abbassare l’impatto, tra l’altro totalmente in linea con la Pac. Dall’altro lato granoduro.net®, uno strumento online che aiuta l’agricoltore giorno per giorno a ottimizzare le tecniche attraverso interventi più efficienti e mirati in base alle specifiche condizioni, come ad esempio le condizioni meteorologiche previste, le caratteristiche del suolo, la varietà di grano o le precedenti rotazioni.


La doppia piramide alimentare-ambientale, sviluppata nel 2010 da Barilla Center for food and nutrition


Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.597 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner