Vino: il segreto dell'aroma è nella genetica

Juri Battilana, ricercatore dello Iasma, è stato premiato per le sue ricerche sul tipico aroma moscato del vino

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

BATTILANA-JURI-ricercatore-iasma-genetica-aroma-uva.JPG

Juri Battilana, autore dello studio sulla regione genomica
che determina il tipico aroma moscato dei vini

Studi scientifici relativi all'aroma dell'uva, in particolare alla regione genomica che determina il tipico aroma moscato, hanno valso al giovane ricercatore dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige, Juri Battilana, il premio tra le migliori pubblicazioni scientifiche nel settore ortofloricolo e frutticolo. L'importante riconoscimento conferito dalla Società di ortoflorofrutticoltura italiana riguarda, in particolare, l'attività descritta nella rivista scientifica 'Theoretical and applied genetics'.

L'articolo, in particolare, presenta l'analisi genetica condotta su due popolazioni di vite che ha portato all'individuazione di un tratto del genoma responsabile della variazione nel contenuto di monoterpeni delle uve: si tratta dei composti che determinano il tipico aroma moscato, molto apprezzato dal consumatore sia nel vino che nel frutto fresco e giudicato dagli esperti assaggiatori molto evocativo, portatore di un umore estremamente positivo e rilassante.

Dallo sviluppo di questa ricerca, condotta all'interno del gruppo di genetica molecolare applicata del Centro ricerca e innovazione di San Michele, coordinato da Stella Grando, sono attese delle applicazioni nel miglioramento genetico delle varietà di vite e il suggerimento di nuove pratiche colturali ed enologiche che garantiscano l'espressione elevata e costante del potenziale aromatico delle uve.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.464 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner